Nuova organizzazione per le scuole di Spoleto

Il piano degli interventi definito dal Comune e dalla Provincia di Perugia

 

Nuova riorganizzazione delle scuole secondarie di secondo grado. È stata accolta dal Comune di Spoleto la proposta presentata dalla Provincia di Perugia, sulla base di una serie di analisi ed indicazioni fornite, nei mesi scorsi, anche dall’amministrazione comunale.

Il nuovo assetto organizzativo, che si svilupperà in tre fasi successive, è stato elaborato dall’Area Edilizia Ambiente e Territorio della Provincia, tenendo conto dei finanziamenti messi a disposizione dalle ordinanze commissariali sulla ricostruzione, in modo da conciliare l’esecuzione dei lavori in edifici dove non sono presenti le attività didattiche.

“In questi mesi abbiamo lavorato a stretto contatto con la Provincia di Perugia – ha dichiarato il Sindaco Umberto de Augustinis – per ridefinire la dislocazione degli istituti superiori e per pianificare gli interventi necessari a migliorare gli edifici di competenza della Provincia.
L’unico nostro interesse è riuscire a fare in modo che i nostri ragazzi e le nostre ragazze vivano il proprio percorso di studi all’interno di strutture sicure, facilmente raggiungibili, evitando, per far ciò, di costruire altri edifici e occupare nuovi terreni. Dato il contesto, le soluzioni che abbiamo individuato ci sembrano rispondere adeguatamente alle esigenze degli studenti, delle famiglie e del personale impegnato nelle scuole.
Ringrazio il Presidente della Provincia di Perugia Luciano Bacchetta ed il consigliere con delega all’edilizia scolastica Federico Masciolini per aver compreso le nostre necessità ed accolto le proposte che abbiamo avanzato”.

La prima fase riguarderà la ristrutturazione dell’edificio del Liceo Scientifico “A. Volta” in vicolo San Matteo. L’intervento di demolizione e ricostruzione e la successiva creazione di una zona di laboratori di cucina e ricevimento, permetterà di ospitare gli studenti dell’Istituto Alberghiero “De Carolis” attualmente dislocati in una parte dell’Istituto Tecnico Economico “Spagna”. I lavori, finanziati con fondi per la ricostruzione (saranno necessari circa 5 milioni di euro), consentiranno di avere un edificio con circa 20 aule e 6 laboratori.

Dopo lo spostamento dell’Alberghiero si entrerà nella seconda fase, con l’adeguamento sismico dell’edificio sede dell’Istituto Tecnico Economico “Spagna” (le verifiche sismiche sono in fase di esecuzione), che verrà realizzato in due stralci funzionali in modo da consentire l’utilizzo parziale della struttura. L’intervento garantirà una capienza per circa 40 classi e 10 laboratori, oltre ad altri spazi accessori e permetterà di ospitare il Liceo Scientifico “A. Volta” ed il Liceo delle Scienze Umane “Elladio” (quest’ultimo sarà spostato solo a conclusione dell’intera opera di riorganizzazione degli edifici scolastici).

La terza e ultima fase riguarderà l’adeguamento sismico ed il miglioramento funzionale dell’edificio ex IPSIA (attuale sede del Liceo Scientifico), che si trova nelle immediate vicinanze dell’ITIS IPSIA “F.lli Campani”, in modo da avere un edificio scolastico con 16 aule e 6 laboratori. Questo complesso sarà destinato a sede dell’Istituto Tecnico Economico “Spagna”, con l’obiettivo di creare un Polo Tecnico Tecnologico.

“Con questa proposta della Provincia di Perugia, accolta dall’Amministrazione comunale, si gettano le basi per una riqualificazione e razionalizzazione delle scuole superiori di secondo grado del Comune di Spoleto – ha spiegato il consigliere provinciale Federico Masciolini – Le ingenti risorse a disposizione nei prossimi anni, infatti, permetteranno di mettere in campo una serie di interventi che, a partire dalla demolizione e riscostruzione dell’edificio in cui fino al sisma del 2016 svolgeva la propria attività il Liceo Scientifico “A. Volta”, riconsegneranno alla Città di Spoleto edifici scolastici più sicuri, più funzionali dal punto di vista degli spazi didattici e più razionali in riferimento alle Istituzioni scolastiche che ospiteranno. Nei prossimi giorni la Provincia di Perugia sarà già al lavoro sulla progettazione necessaria a dar seguito a questo strategico programma di interventi”.

Spoleto, mercoledì 13 marzo 2019

Pin It