Spoleto città cardioprotetta

Giovedì 4 settembre dalle ore 19 presso Palazzo Bufalini in Piazza Duomo, è in programma la presentazione alla stampa e alle autorità civili e militari del progetto “SPOLETO CITTÀ CARDIOPROTETTA”.

Patrocinato dal Comune di Spoleto, il progetto avrà una durata di circa 10 mesi con l’obiettivo di raccogliere fondi per l’acquisto di almeno 15 defibrillatori e formare al loro utilizzo un adeguato numero di persone.

Alla presentazione sono stati invitati anche i rappresentati delle varie realtà sportive spoletine che a breve dovranno obbligatoriamente avere un defibrillatore tra le attrezzature mediche a loro disposizione.

Promotrice dell’iniziativa è la Banca Mediolanum insieme al Lions Club Spoleto e in collaborazione con l’Associazione Culturale “I Cento Comuni”, il Mountain Bike Club di Spoleto, l’Associazione Nazionale Carabinieri sez. di Spoleto, il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta (CISOM) Gruppo di Spoleto, la Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Spoleto, l’Associazione Volontari Croce Verde Spoleto e l’Associazione Radioamatori Italiani sez. di Spoleto.

L’importanza di avere a disposizione un defibrillatore automatico (DAE) è provata da tempo. L’unico trattamento efficace di un arresto cardiaco causato da fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare senza polso è una rapida defibrillazione. Tuttavia va sottolineato il fatto che questo trattamento è efficace solo se eseguito durante i primi minuti successivi ad un arresto cardiaco improvviso.

Ogni anno, in Italia, muoiono circa 60.000 persone a causa di un arresto cardiaco e la letteratura scientifica ha dimostrato che, in questi casi, un intervento di primo soccorso rapido ed adeguato può ridurre del 30% questi decessi: ogni minuto è di vitale importanza. Alcuni studi scientifici hanno stimato che la probabilità di salvare una persona in arresto cardiaco improvviso calano anche del 10% al passare di ogni minuto. L’importanza del defibrillatore in questo scenario è paragonabile a quello di un estintore durante un incendio.

Per questo motivo e per la rilevanza che ha questa iniziativa nel campo sociale e sanitario si è voluto coinvolgere coloro che quotidianamente operano nel settore anche come volontari. Per raccogliere i fondi necessari, sono stati programmati vari eventi culturali, sportivi e di intrattenimento. Il primo appuntamento sarà sabato 6 p.v. con la Cronoscalata Spoleto-Caprareccia in MTB sul tracciato della vecchia ferrovia Spoleto-Norcia organizzata dal Mountain Bike Club di Spoleto.

Dopo la presentazione seguirà un momento conviviale allietato da musica dal vivo.

Pin It