A casa con i Longobardi

Mosaico di Palazzo Pianciani La settimana scorsa abbiamo visto come scavi archeologici condotti a seguito dei lavori di ristrutturazione di Palazzo Mauri a Spoleto abbiano portato alla luce un meraviglioso mosaico, testimonianza sicuramente significativa per cominciare a delineare il quadro della situazione urbanistica della capitale del Ducato.

Analogamente, nel 2005, nell’ambito di un progetto di restauro e consolidamento di Palazzo Pianciani, è stato individuato un battistero con pavimentazione a mosaico – anche in questo caso costruito al di sopra di ambienti termali di età romana. La realizzazione a grosse tessere policrome e le caratteristiche iconografiche inducono a proporne una datazione intorno al VII-VIII sec. d.C..

Mosaico Palazzo Pianciani | Particolare

Il mosaico mostra una decorazione geometrica, all’interno della quale sono inseriti due pannelli decorativi quadrati, uno dei quali figurato e policromo. La rappresentazione è di chiaro significato simbolico connesso al rito del battesimo: due cervi e due colombe sono ai lati di un kantharos da cui fuoriescono rivoli d’acqua che dissetano i cervi e due tralci con frutti beccati dalle colombe, al centro insiste un pavone con la coda aperta a simboleggiare l’anima rinnovata dal battesimo.

I lavori di restauro di Palazzo Pianciani hanno permesso di recuperare una superficie di 8.343 metri quadrati e di ridare vivibilità anche a due piani nobili caratterizzati da un eccellente impianto decorativo.

Il palazzo è sede della Banca Popolare di Spoleto, del Gruppo Banco Desio e per visitare il mosaico è necessario rivolgersi alla banca.

Buon lunedì con i Longobardi!

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *