Calendar

Lug
21
sab
MOSTRA FOTOGRAFICA | Il teatro nascosto. Una storia per immagini @ Museo Archeologico e Teatro Romano di Spoleto
Lug 21 2018–Dic 31 2019 giorno intero
<!--:it-->MOSTRA FOTOGRAFICA | Il teatro nascosto. Una storia per immagini<!--:--><!--:en-->PHOTO EXHIBITION | The Hidden Theatre. A story in images<!--:--> @ Museo Archeologico e Teatro Romano di Spoleto | Spoleto | Umbria | Italia

La mostra Il teatro nascosto. Una storia per immagini è una raccolta di fotografie inedite risalenti agli anni del ritrovamento del Teatro Romano di Spoleto e della sua messa in luce, dal 1938 al 1960.

La mostra, promossa dal Polo Museale dell’Umbria – Museo Archeologico e Teatro Romano di Spoleto, in collaborazione con Astra onlus e con l’Archivio di Stato di Perugia, sez. di Spoleto, si avvale di materiale messo a disposizione per la maggior parte dall’Accademia Etrusca di Cortona e dall’archivio del Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria, che rivela aspetti inediti della scoperta del teatro romano e della trasformazione del complesso di S.Agata da carcere giudiziario (1867-1957) a museo.

La storia del monastero di S.Agata già nota grazie alle ricerche di G.Curti, S.Di Sante Coaccioli, S. Gubbiotti, sfociate nel documentatissimo libro del 2011 “Il Teatro Romano e l’ex monastero di S.Agata. Cronaca delle trasformazioni”, viene oggi arricchita dalle fotografie scattate dall’allora ispettore archeologo Umberto Ciotti, che documentò ogni passo dei lavori di demolizione e scavo.

Polo Museale dell’Umbria
Piazza Giordano Bruno 10 – Perugia – tel. 075 5759612
Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto
Via Sant’Agata 18A – tel. 0743 223277

Nov
19
mar
Programmazione CINEMA a Spoleto @ Sala Pegasus e Sala Frau
Nov 19 2019–Feb 5 2025 giorno intero
<!--:it-->Programmazione CINEMA a Spoleto<!--:--><!--:en-->CINEMA in Spoleto<!--:--> @ Sala Pegasus e Sala Frau

Cinéma Sala Pegasus
Piazza Bovio
cinemasalapegasus@gmail.com
Tel. 0743 522620

Cinema Sala Frau
Vicolo San Filippo 16
cinemasalafrau@gmail.com
Tel. 0743/522177

Per conoscere la programmazione del Cinéma Sala Pegasus e del Cinema Sala Frau visita il sito www.spoletocinemaalcentro.it oppure segui la pagina Facebook Spoleto Cinema al Centro.

Per ricevere la NEWSLETTER invia una e-mail all’indirizzo cinemasalapegasus@gmail.com

Nov
20
mer
Strumenti & Musica Festival – International Piano Competition @ Palazzo Leti Sansi
Nov 20 giorno intero

dal 20 al 24 novembre 2019
STRUMENTI & MUSICA FESTIVAL
International Piano Competition

I Concorsi Pianistici (7° Concorso Pianistico Internazionale Città di Spoleto – Premio Pianistico Internazionale Città di Spoleto) avranno luogo presso la sede abituale di Palazzo Leti Sansi (via Arco di Druso)

Programma:

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

VENERDÌ 22 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCERTO PER FISARMONICA E PIANOFORTE
SAMUELE TELARI E LUCREZIA PROIETTI
Premiazione ed esecuzione in prima assoluta delle opere vincitrici del 3° Concorso di Composizione “Città di Spoleto”

SABATO 23 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CON LA MUSICA E IL CUORE A PASSO DI DANZA
Il Centro di Solidarietà Don Guerrino Rota di Spoleto racconta semplicemente … la Vita
In collaborazione con A.S.D. Arabesque Scuola di Danza

CONCERTO DEL DUO
ANDREA PENNACCHI (Fisarmonica)
IVAN BERNARDINI (Sassofono)

DOMENICA 24 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 19.00 | Teatro Caio Melisso
CONCERTO DEI VINCITORI DEI CONCORSI PIANISTICI INTERNAZIONALI

Le audizioni del concorso e i concerti sono aperti al pubblico e a ingresso gratuito

Scarica il programma

info: 334.8681080 | info@strumentiemusica.com
www.strumentiemusica.comwww.strumentiemusicafestival.com

Nov
21
gio
Strumenti & Musica Festival – International Piano Competition @ Palazzo Leti Sansi
Nov 21 giorno intero

dal 20 al 24 novembre 2019
STRUMENTI & MUSICA FESTIVAL
International Piano Competition

I Concorsi Pianistici (7° Concorso Pianistico Internazionale Città di Spoleto – Premio Pianistico Internazionale Città di Spoleto) avranno luogo presso la sede abituale di Palazzo Leti Sansi (via Arco di Druso)

Programma:

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

VENERDÌ 22 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCERTO PER FISARMONICA E PIANOFORTE
SAMUELE TELARI E LUCREZIA PROIETTI
Premiazione ed esecuzione in prima assoluta delle opere vincitrici del 3° Concorso di Composizione “Città di Spoleto”

SABATO 23 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CON LA MUSICA E IL CUORE A PASSO DI DANZA
Il Centro di Solidarietà Don Guerrino Rota di Spoleto racconta semplicemente … la Vita
In collaborazione con A.S.D. Arabesque Scuola di Danza

CONCERTO DEL DUO
ANDREA PENNACCHI (Fisarmonica)
IVAN BERNARDINI (Sassofono)

DOMENICA 24 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 19.00 | Teatro Caio Melisso
CONCERTO DEI VINCITORI DEI CONCORSI PIANISTICI INTERNAZIONALI

Le audizioni del concorso e i concerti sono aperti al pubblico e a ingresso gratuito

Scarica il programma

info: 334.8681080 | info@strumentiemusica.com
www.strumentiemusica.comwww.strumentiemusicafestival.com

Nov
22
ven
Strumenti & Musica Festival – International Piano Competition @ Palazzo Leti Sansi
Nov 22 giorno intero

dal 20 al 24 novembre 2019
STRUMENTI & MUSICA FESTIVAL
International Piano Competition

I Concorsi Pianistici (7° Concorso Pianistico Internazionale Città di Spoleto – Premio Pianistico Internazionale Città di Spoleto) avranno luogo presso la sede abituale di Palazzo Leti Sansi (via Arco di Druso)

Programma:

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

VENERDÌ 22 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCERTO PER FISARMONICA E PIANOFORTE
SAMUELE TELARI E LUCREZIA PROIETTI
Premiazione ed esecuzione in prima assoluta delle opere vincitrici del 3° Concorso di Composizione “Città di Spoleto”

SABATO 23 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CON LA MUSICA E IL CUORE A PASSO DI DANZA
Il Centro di Solidarietà Don Guerrino Rota di Spoleto racconta semplicemente … la Vita
In collaborazione con A.S.D. Arabesque Scuola di Danza

CONCERTO DEL DUO
ANDREA PENNACCHI (Fisarmonica)
IVAN BERNARDINI (Sassofono)

DOMENICA 24 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 19.00 | Teatro Caio Melisso
CONCERTO DEI VINCITORI DEI CONCORSI PIANISTICI INTERNAZIONALI

Le audizioni del concorso e i concerti sono aperti al pubblico e a ingresso gratuito

Scarica il programma

info: 334.8681080 | info@strumentiemusica.com
www.strumentiemusica.comwww.strumentiemusicafestival.com

Mezz’ora dopo la chiusura | IL NUOVO VOLTO DI PALAZZO COLLICOLA Visite guidate alla scoperta di Palazzo Collicola @ Palazzo Collicola
Nov 22@19:00

Mezz’ora dopo la chiusura
Visite guidate alla scoperta di Palazzo Collicola

A cura di: Sistema Museo

Mezz’ora dopo la chiusura, l’evento a cura di Sistema Museo, presenta un programma dedicato interamente al nuovo volto di Palazzo Collicola. Il programma dei venerdì dedicati a Palazzo Collicola e alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto “G. Carandente” illustrerà al pubblico, cittadini e turisti, il nuovo allestimento della Galleria d’Arte Moderna a cura del Direttore Marco Tonelli, inaugurato lo scorso 29 giugno, del quale si potrà scoprire il nuovo concept per sale tematiche e le nuove acquisizioni.
Gli incontri dedicati alla scoperta del nuovo volto di Palazzo Collicola sono incentrati ciascuno su un diverso aspetto della collezione, grazie ai contributi di Professori universitari, artisti e storici dell’arte.

Quota di partecipazione:
Visita guidata intero: € 7,00
Visita guidata ridotto: € 5,00 per fidelizzati e possessori Spoleto
Aperitivo € 5,00

INFO: www.spoletocard.it – È consigliata la prenotazione entro le 13:00 del venerdì, telefonando allo 0743.46434 o inviando una mail a news.spoletomusei@sistemamuseo.it

Nov
23
sab
Commemorazione dei Defunti e Giornata dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate
Nov 23 giorno intero
<!--:it-->Commemorazione dei Defunti e Giornata dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate<!--:-->

Commemorazione dei Defunti e Giornata dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate
Il programma delle iniziative di sabato 2 novembre e lunedì 4 novembre

Denso programma di iniziative per celebrare la Commemorazione dei Defunti (2 novembre) e la Giornata dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate (4 novembre)

Sabato 2 novembre, ore 15.00, al Cimitero Monumentale di Spoleto, Santa Messa celebrata da S.E.R. Mons. Renato Boccardo. Alle ore 15.45 al Cimitero Monumentale, Sacrario ai Caduti, Deposizione di una corona di alloro e Resa degli Onori da parte di una Schierante in Armi del 2° Btg Granatieri “Cengio”.

In occasione del Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, lunedì 4 novembre, alle ore 11.00 in Piazza Giuseppe Garibaldi Cerimonia dell’Alzabandiera, Resa degli Onori da parte di una Schierante in Armi del 2° Btg Granatieri “Cengio”, Lettura del messaggio del Capo dello Stato e Saluto di Umberto de Augustinis, Sindaco della Città di Spoleto. Alle ore 11.45 a Colle Attivoli, Monumento ai Caduti, Deposizione di una corona di alloro e Resa degli Onori da parte di una Schierante in Armi del 2° Btg Granatieri “Cengio”. Alle ore 10.00/12.30 alla Caserma Giuseppe Garibaldi, iniziativa “Caserme aperte.”

Sabato 23 novembre alle ore 10.30 al Complesso Monumentale di San Nicolò, conferenza 100 anni dal trattato di pace di Versailles: riflessioni sul nuovo ordine mondiale. Intervengono: Massimo Coltrinari, Tenente Generale (aus.), Massimo lacopi, Generale D. (ris.), modera Mario di Spirito, Generale B. (aus.)

Si ringraziano per la collaborazione: Archidiocesi Spoleto-Norcia, Agenzia Industrie Difesa – Stabilimento Militare del Munizionamento Terrestre, 20 Btg Granatieri “Cengio”, Rappresentanze delle Forze Armate e Corpi Armati dello Stato e delle Forze di Polizia, Associazioni Combattentistiche e d’Arma di Spoleto, ANPI Sez. Spoleto, Unione Naz. Ufficiali in Congedo d’Italia Sez. Spoleto, Associazione Naz. Marinai d’Italia Gruppo di Spoleto, Croce Rossa Italiana Comitato di Spoleto, Volontari della Protezione Civile, Banda Musicale “Città di Spoleto”.

MERCATINI, PRESEPI E ANIMAZIONI NATALIZIE @ Spoleto
Nov 23 2019–Gen 26 2020 giorno intero
<!--:it-->MERCATINI, PRESEPI E ANIMAZIONI NATALIZIE<!--:--><!--:en-->CHRISTMAS MARKETS, CRIBS AND ENTERTAINMENT<!--:--> @ Spoleto

FROZEN PARK
da sabato 23 novembre 2019 a domenica 26 gennaio 2020 | piazzale adiacente via Fratelli Cervi | pista di pattinaggio sul ghiaccio

MERCATINI DI NATALE
Venerdì 29 novembre – martedì 14 gennaio 2020 | giardini Casina dell’Ippocastano

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020 | parco Chico Mendes
Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.
Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.
– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.
Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.
Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.
Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

NATALE IN GIOCO
7-8 dicembre/ 14-15 dicembre/ 21-22 dicembre | centro storico
animazione per bambini con Babbo Natale dalle 16.30 alle 19.30

PRESEPI
da domenica 8 dicembre 2019 a martedì 14 gennaio 2020 | Chiesa di S. Simone
Spoleto, la città in un Presepe X edizione

MAESTRI ZAMPOGNARI
7-8 dicembre/ 14-15 dicembre/ 21-22 dicembre | centro storico

SPOLETO D’INVERNO | Tutto il programma @ Spoleto
Nov 23 2019–Gen 26 2020 giorno intero
<!--:it-->SPOLETO D'INVERNO | Tutto il programma<!--:--><!--:en-->Spoleto d'Inverno - The full program<!--:--> @ Spoleto

La “sacerdotessa” del rock Patti Smith con lo spettacolo ‘Words and music’ (Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, 3 dicembre 2019, ore 21), che celebrerà a Spoleto il suo ritorno in Italia; lo straordinario talento di Moni Ovadia, attore e artista capace di raccontare l’eterno peregrinare dell’Ebreo errante, al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti (il 27 dicembre alle ore 21) con “Cabaret Yiddish”; l’Ensemble Simphony Orchestra con il concerto The legend of Ennio Morricone Vol. 2°, un nuovo repertorio con gli straordinari capolavori di uno dei più grandi compositori musicali riarrangiati e proposti in un concerto teatrale di grande impatto emotivo (appuntamento il 28 dicembre alle ore 21, sempre al Teatro Menotti). Questo, e molto altro, compone il programma di Spoleto d’Inverno, il cartellone di eventi ideato e organizzato dal Comune di Spoleto. Due gli eventi in programma per salutare il 2019 e dare il benvenuto al nuovo anno. In piazza Garibaldi, a partire dalle ore 22.30, il concerto di Tony Esposito con Enrico Capuano & La TammurriataRock, uno straordinario progetto musicale che combina il sound ritmico e partenopeo a quello del rock folk; per le vie e le piazze del centro storico si festeggerà il Capodanno anche con la Banda Irè, una street band composta da 12 elementi che accoglierà il 2020 a suon di Samba, Axé, Samba-reggae e funky. Allo scoccare della mezzanotte si potrà assistere al suggestivo spettacolo pirotecnico che, dalla Rocca Albornoz, riempirà di suoni e colori il cielo di Spoleto. Inoltre, per tutto il periodo natalizio (30 novembre-14 gennaio) la Casina Ippocastano ospiterà i Mercatini di Natale, con il Parco Chico Mendez che si trasformerà ne “La Foresta incantata”, uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi. E poi ancora sport, teatro, musica, mostre e tanti altri appuntamenti.

Anticipati inoltre alcuni degli eventi per la primavera 2019 con il ritorno sulle scene della coppia Lopez-Solenghi il 15 marzo, la Settimana Internazionale della Danza (dal 30 marzo a 4 aprile), il Salotto delle Eccellenze (tra marzo e aprile), i Concerti lirico-vocali di musica sacra Cantate Mecum Domino a cura del Teatro Lirico Sperimentalea aprile i concerti a cura dell’associazione Omaggio all’Umbria (tra aprile e maggio), e i Concerti Sinfonici e Cameristici della Filarmonica Umbra tra maggio e giugno.

Programma in pdf

Anticipazioni di primavera

Strumenti & Musica Festival – International Piano Competition @ Palazzo Leti Sansi
Nov 23 giorno intero

dal 20 al 24 novembre 2019
STRUMENTI & MUSICA FESTIVAL
International Piano Competition

I Concorsi Pianistici (7° Concorso Pianistico Internazionale Città di Spoleto – Premio Pianistico Internazionale Città di Spoleto) avranno luogo presso la sede abituale di Palazzo Leti Sansi (via Arco di Druso)

Programma:

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

VENERDÌ 22 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCERTO PER FISARMONICA E PIANOFORTE
SAMUELE TELARI E LUCREZIA PROIETTI
Premiazione ed esecuzione in prima assoluta delle opere vincitrici del 3° Concorso di Composizione “Città di Spoleto”

SABATO 23 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CON LA MUSICA E IL CUORE A PASSO DI DANZA
Il Centro di Solidarietà Don Guerrino Rota di Spoleto racconta semplicemente … la Vita
In collaborazione con A.S.D. Arabesque Scuola di Danza

CONCERTO DEL DUO
ANDREA PENNACCHI (Fisarmonica)
IVAN BERNARDINI (Sassofono)

DOMENICA 24 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 19.00 | Teatro Caio Melisso
CONCERTO DEI VINCITORI DEI CONCORSI PIANISTICI INTERNAZIONALI

Le audizioni del concorso e i concerti sono aperti al pubblico e a ingresso gratuito

Scarica il programma

info: 334.8681080 | info@strumentiemusica.com
www.strumentiemusica.comwww.strumentiemusicafestival.com

Lupo e uomo: animali in un ambiente di relazioni virtuose @ Biblioteca Comunale - Palazzo Mauri
Nov 23@09:00

Lupo e uomo: animali in un ambiente di relazioni virtuose
Incontro dibattito aperto alla Biblioteca Palazzo Mauri
Sabato 23 novembre alle ore 9.00

L’affascinante e complesso, ma spesso problematico, rapporto tra uomo e lupo – uno dei legami più intensi e atavici tra uomo e animale– è al centro di un incontro che si propone di far luce, e possibilmente aiutare a risolvere, alcuni aspetti di quel delicato e spesso decisivo passaggio che connota il binomio natura / cultura.

Il convegno sarà strutturato come workshop in due sessioni dedicate alla “storia” e al “futuro”. Nella sessione mattutina nel corso del quale verrà fatto il punto sullo status delle conoscenze interverranno Duccio Berzi, Luca Convito, Paolo Forconi, Franco Perci e Massimo Scandura – moderati da Andrea Sisti – per far luce sullo studio dell’etologia del Canis lupus italicus, sui dati scientifici di presenza della specie nel territorio regionale, sui dati oggettivi circa i problemi di convivenza con l’uomo, tenendo presente al contempo la cultura secolare e la resilienza della attività agro-zootecniche nei confronti di questo carismatico animale. Nella sessione pomeridiana è previsto un dibattito da sviluppare su tavoli di lavoro tematico che restituiranno le riflessioni e le proposte elaborate in sessione plenaria a conclusione della giornata, dalla quale si auspica possa uscire un documento programmatico che l’amministrazione comunale possa utilizzare come strumento per affrontare in sinergia con tutti gli attori locali siano essi istituzioni, associazioni che cittadini le nuove problematiche di convivenza tra uomo e lupo, trasformandole in occasione di sviluppo.

L’iscrizione è obbligatoria: education@agrileisuretime.com o 328.4669918

Coloro che hanno bisogno di pernottare a Spoleto possono usufruire di sconti e agevolazioni contattando il Con Spoleto Consorzio Turistico via email a info@conspoleto.com o al numero 0743 220773

Un testimone dei diritti negati – Incontro su Primo Levi @ Albornoz Palace Hotel
Nov 23@09:00

All’interno della manifestazione:
IL MIO PRIMO LEVI – EXPO di Esmeralda
Ingresso libero

Stagione di Prosa 2019/2020 | UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Nov 23@21:00
<!--:it-->Stagione di Prosa 2019/2020 | UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO<!--:--><!--:en-->2019/2020 Prose Season - Un tram che si chiama desiderio<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Stagione di Prosa 2019/2020
UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO
Sabato 23 novembre, ore 21.00
Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti”
In esclusiva regionale a Spoleto il capolavoro di Tennessee Williams.

Il dramma, premio Pulitzer nel ’47, è conosciuto in tutto il mondo, una pietra miliare del teatro e del cinema che ancora oggi viene letto e rappresentato con interesse ed emozione. Una storia in tre atti che alza il velo sulla macchina oppressiva della famiglia e dell’anima ipocrita dei pregiudizi, sulla feroce stupidità delle paure morali.

La regia dello spettacolo è affidata al maestro Pier Luigi Pizzi, fondatore con Giorgio De Lullo, Romolo Valli e Rossella Falk della “Compagnia dei giovani”.

Il ruolo di Blanche Du Bois è affidato a Mariangela D’Abbraccio, grande interprete del nostro teatro, nel ruolo di Stanley Kowalski, che fu di Marlon Brando, Daniele Pecci.

di Tennessee Williams
traduzione Masolino D’amico
con Mariangela D’abbraccio, Daniele Pecci
e con Angela Ciaburri, Stefano Scandaletti, Gabriele Anagni, Erika Puddu, Massimo Odierna
regia Pier Luigi Pizzi

produzione
Gitiesse Artisti Riuniti
in coproduzione con La Pirandelliana e in collaborazione con AMAT

Abbonamento 7 spettacoli:
€ 91 (ridotto 77) per platea e I palchi di platea centrale e di I ordine centrale
€ 77 euro (ridotto 63) per I ordine laterale e II e III ordine centrale.
Gli abbonamenti sono sottoscrivibili al Botteghino teatro Nuovo Gian Carlo Menotti dalle (tel. 0743 222647) venerdì 11 ottobre (dalle 17 alle 19), sabato 12 ottobre (dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19), domenica 13 ottobre (dalle ore 10 alle 13) per i vecchi abbonati che potranno riconfermare il proprio abbonamento per lo stesso posto e da lunedì 14 a mercoledì 16 ottobre (dalle ore 17 alle 19) per i nuovi abbonati.

Abbonamento scuola riservato agli studenti di ogni ordine e grado e dell’università a quattro spettacoli: € 28

Costo biglietti:
Platea, posto palco platea centrale, posto palco I ordine centrale: intero € 21 (ridotto € 18 euro)
Posto Palco platea laterale I ordine laterale, II – III ordine centrale: € 17 (ridotto € 14).
Posto palco II e III ordine laterale e galleria: € 10.

Prenotazioni telefoniche
Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria: Tel. 075 57542222 tutti i giorni feriali dalle 16 alle 20 fino al giorno precedente lo spettacolo.

Vendita biglietti

Botteghino Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti tel. 0743 222647 il giorno dello spettacolo dalle 16.30 per gli spettacoli delle 21, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 17 per gli spettacoli delle 17.

Vendita on line da lunedì 4 novembre su: www.teatrostabile.umbria.it

Sabato 2 novembre il botteghino del Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” sarà aperto dalle 17 alle 19 per la vendita dei biglietti degli spettacoli fino a marzo 2020.

Torna anche il progetto di mediazione e di educazione teatrale vivere con lo spettatore la messa in scena di uno spettacolo, attraverso una serie di appuntamenti che prevedono un prima e un dopo la visione.

Nov
24
dom
Strumenti & Musica Festival – International Piano Competition @ Palazzo Leti Sansi
Nov 24 giorno intero

dal 20 al 24 novembre 2019
STRUMENTI & MUSICA FESTIVAL
International Piano Competition

I Concorsi Pianistici (7° Concorso Pianistico Internazionale Città di Spoleto – Premio Pianistico Internazionale Città di Spoleto) avranno luogo presso la sede abituale di Palazzo Leti Sansi (via Arco di Druso)

Programma:

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

VENERDÌ 22 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCERTO PER FISARMONICA E PIANOFORTE
SAMUELE TELARI E LUCREZIA PROIETTI
Premiazione ed esecuzione in prima assoluta delle opere vincitrici del 3° Concorso di Composizione “Città di Spoleto”

SABATO 23 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 21.00 | Palazzo Leti Sansi
CON LA MUSICA E IL CUORE A PASSO DI DANZA
Il Centro di Solidarietà Don Guerrino Rota di Spoleto racconta semplicemente … la Vita
In collaborazione con A.S.D. Arabesque Scuola di Danza

CONCERTO DEL DUO
ANDREA PENNACCHI (Fisarmonica)
IVAN BERNARDINI (Sassofono)

DOMENICA 24 NOVEMBRE

ore 09.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 15.00 | Palazzo Leti Sansi
CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE

ore 19.00 | Teatro Caio Melisso
CONCERTO DEI VINCITORI DEI CONCORSI PIANISTICI INTERNAZIONALI

Le audizioni del concorso e i concerti sono aperti al pubblico e a ingresso gratuito

Scarica il programma

info: 334.8681080 | info@strumentiemusica.com
www.strumentiemusica.comwww.strumentiemusicafestival.com

Visite Guidate SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Nov 24@11:30–12:30
<!--:it-->Visite Guidate SPOLETO CARD<!--:--><!--:en-->SPOLETO CARD Guided Visits<!--:--> @ Siti museali di Spoleto

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI NOVEMBRE
Cinque appuntamenti, dal 1 al 24 novembre, per scoprire il patrimonio culturale della città
Tutti i sabati gli incontri alla Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
per conoscere “Il nuovo volto di Palazzo Collicola”
Proseguono nel mese di novembre le visite guidate tematiche al patrimonio culturale della città di Spoleto. Il prossimo appuntamento è in programma venerdì 1 novembre alle ore 11.30 con Il martirio di Thomas Becket e la visita alla chiesa dei Santi Giovanni e Paolo (luogo di incontro: Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo – biglietteria).

Domenica 3 novembre alle ore 11.30 si andrà alla scoperta de La grande Rocca. Dalle origini all’epoca carceraria (Luogo di incontro: Rocca Albornoz – biglietteria), mentre domenica 10 novembre, alle ore 15.30 la visita sarà incentrata su La famiglia Collicola (Luogo di incontro: Palazzo Collicola – biglietteria).

Gli ultimi due appuntamenti del mese, in programma domenica 17 e 24 novembre alle ore 11.30, riguarderanno La domus romana. Mosaici e pitture parietali (Luogo di incontro: Casa romana – biglietteria) e Storie d’amore e di armi. Gli affreschi della Camera Pinta (Luogo di incontro: Rocca Albornoz – biglietteria).

Per i possessori della Spoleto Card sarà possibile partecipare gratuitamente, tutti i sabati del mese di novembre, alle ore 15.30, alle visite guidate alla Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente” per conoscere Il nuovo volto di Palazzo Collicola.

Acquistando la SPOLETO CARD è possibile partecipare alle visite guidate tematiche al patrimonio culturale della città di Spoleto in programma nel mese di novembre 2019 con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (se non si è in possesso della SPOLETO CARD si può partecipare con una tariffa di € 4,00 a persona (oltre il biglietto del museo, dove è previsto).
Per avere informazioni e aderire alle visite guidate del programma della Spoleto CARD è consigliato di telefonare o chiedere alla biglietteria dei musei.

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it
Ufficio Turistico di Spoleto – Tel 0743.218620 e-mail: front.iat@comune.spoleto.pg.it

Nov
25
lun
Giornata mondiale contro la violenza sulle donne @ Palazzo Mauri e Piazza del Mercato
Nov 25@16:00–20:00

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne
Lunedì 25 novembre. Un convegno, una performance di danza e la fontana di piazza del Mercato illuminata di rosso
Un convegno, una performance di danza e la fontana di Piazza del Mercato illuminata di rosso: queste le iniziative che il Comune di Spoleto e FIDAPA BPW Italy sezione di Spoleto, Centro Antiviolenza Crisalide e Associazione Evidanse, hanno organizzato, lunedì 25 novembre, per celebrare la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne.

Il convegno, dal titolo Per non parlarne più… dopo, è fissato a Palazzo Mauri alle ore 16.00 e prevede i saluti istituzionali di Umberto de Augustinis, Sindaco di Spoleto, di Ada Urbani, Assessore alla Cultura, di Caterina Grifoni, Presidente FIDAPA Bpw Italy sezione di Spoleto e di Marina Antonini, Presidente Centro antiviolenza di Spoleto La Crisalide.

Intervengono Gian Luca Mazzocchio, Avvocato del Foro di Spoleto su La tutela giuridica della donna in difficoltà. Gli ordini di protezione ed Elena Tiracorrendo, già Consigliera regionale di Parità Life&Women Coach che parlerà di Violenza contro le Donne: quale prevenzione.
Conclude Beatrice Montioni, vicesindaco e assessore alle Pari opportunità.

Alle ore 18 in piazza del Mercato performance di danza in situ dal titolo Au-delà des Maux, ideazione, coreografia, danza e voce di Carole Magnini; danza e elementi coreografici di Ludovica Manes, scultura sonora di Francesco D’Oronzo. A cura di Rendez Vous – Associazione Evidanse.

Nov
27
mer
#TEA – Testi Esperienze Archeologia …Al Museo alle cinque @ Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto
Nov 27@17:00
Nov
29
ven
Incontriamoci alla Rocca | Due appuntamenti con Filippo Lippi @ Rocca Albornoz - Museo Nazionale del Ducato
Nov 29@16:30

Incontriamoci alla Rocca
Omaggio a Filippo Lippi nei 550 anni dalla sua morte

Rocca Albornoz – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto
Venerdì 29 novembre e 13 dicembre 2019 – ore 16.30

Il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto dedicherà gli ultimi due appuntamenti del 2019 di Incontriamoci alla Rocca a Filippo Lippi nei 550 anni della sua morte. L’artista fiorentino muore a Spoleto il 9 ottobre 1469, lasciando incompiuti gli affreschi dell’abside del duomo, avviati nel settembre del 1467 e portati a termine dai suoi collaboratori guidati da fra Diamante.

In cattedrale, stando al racconto di Giorgio Vasari, il pittore viene sepolto in una modesta tomba, ma più tardi Lorenzo il Magnifico, dopo aver inutilmente cercato di trasferirne il corpo a Firenze, dispone perché il figlio Filippino disegni una nobile sepoltura e affida ad Angelo Poliziano la composizione dell’epitaffio commemorativo. Di quel monumento, eretto attorno al 1490, rimangano solo alcuni elementi di indiscussa qualità, tra cui il clipeo con l’energico busto del maestro, ispirato dall’autoritratto che Lippi aveva inserito nell’affresco con la Morte della Madonna al centro del registro inferiore del catino absidale.

Le tappe salienti del percorso del maestro e gli echi della sua produzione nella pittura coeva saranno illustrati venerdì 29 novembre da Laura Teza, professore di Storia dell’Arte dell’Università degli Studi di Perugia, nell’intervento L’esperienza umbra di Filippo Lippi.

Venerdì 13 dicembre Francesco Luisi, professore ordinario di Storia della Musica e Musicologia dell’Università di Parma, presenterà Filippo Lippi e il ballo dell’Incoronazione, una riflessione sull’iconografia musicale negli affreschi spoletini di Lippi.

Le due conferenze, con ingresso gratuito, si terranno alle 16.30 nella Sala Eugenio IV della Rocca Albornoz di Spoleto.

Mezz’ora dopo la chiusura | IL NUOVO VOLTO DI PALAZZO COLLICOLA Visite guidate alla scoperta di Palazzo Collicola @ Palazzo Collicola
Nov 29@19:00

Mezz’ora dopo la chiusura
Visite guidate alla scoperta di Palazzo Collicola

A cura di: Sistema Museo

Mezz’ora dopo la chiusura, l’evento a cura di Sistema Museo, presenta un programma dedicato interamente al nuovo volto di Palazzo Collicola. Il programma dei venerdì dedicati a Palazzo Collicola e alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto “G. Carandente” illustrerà al pubblico, cittadini e turisti, il nuovo allestimento della Galleria d’Arte Moderna a cura del Direttore Marco Tonelli, inaugurato lo scorso 29 giugno, del quale si potrà scoprire il nuovo concept per sale tematiche e le nuove acquisizioni.
Gli incontri dedicati alla scoperta del nuovo volto di Palazzo Collicola sono incentrati ciascuno su un diverso aspetto della collezione, grazie ai contributi di Professori universitari, artisti e storici dell’arte.

Quota di partecipazione:
Visita guidata intero: € 7,00
Visita guidata ridotto: € 5,00 per fidelizzati e possessori Spoleto
Aperitivo € 5,00

INFO: www.spoletocard.it – È consigliata la prenotazione entro le 13:00 del venerdì, telefonando allo 0743.46434 o inviando una mail a news.spoletomusei@sistemamuseo.it

Nov
30
sab
Show di MAURIZIO BATTISTA | Papà perché lo hai fatto? @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Nov 30@21:00

Maurizio Battista
Papà perché lo hai fatto?
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Mercoledì 30 novembre ore 21.00

Lo show è scritto insieme alla moglie Alessandra Moretti con la collaborazione di Mariano D’Angelo, vede Battista (sul palco anche Stefano Borgia) indagare con l’inconfondibile verve e la consueta dissacrante ironia, la realtà, quel quotidiano vissuto che ha sempre voluto raccontare e che ha sempre contraddistinto il successo dei suoi show partendo, da lontano, dal bar di famiglia a San Giovanni che il comico non ha mai dimenticato. Lo spettacolo racconta un percorso di vita spassoso, nel quale il comico – cabarettista mette a confronto i tempi passati con i tempi moderni, cercando forse di capire quando si stava meglio, ma senza risparmiarsi nel mettere in evidenza vizi e virtù di ogni epoca con tocco dissacrante e divertito.

Biglietti: www.ticketone.it – a Spoleto: Box 25 (Piazza Vittoria 25)

Dic
1
dom
Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Dic 1@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

La Domenica dei Sogni – Teatro Famiglia – 12a edizione @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 1@16:30

Torna per il dodicesimo anno consecutivo la rassegna di teatro famiglia La Domenica dei Sogni, ideata per avvicinare le nuove generazioni e le famiglie alla magia del teatro.

Il programma 2019-2020 ha in cartellone cinque nuovi spettacoli al Teatro Nuovo Menotti, sempre alle ore 16.30, sempre la domenica, che sono stati scelti accuratamente tra le produzioni delle migliori compagnie nazionali.

Quest’anno inoltre i primi due spettacoli sono ad ingresso libero grazie al progetto “Arriva il teatro!”, promosso da Fontemaggiore e sostenuto dal Mibact e della Regione Umbria, che nasce dall’ esigenza di ricostruire un’offerta culturale nei territori colpiti dal sisma del Centro Italia, al fine di facilitare occasioni di incontro e relazioni sociali tra gli abitanti anche in termini di promozione turistica e visibilità del patrimonio ambientale e culturale.

Tra tante novità anche le conferme: come la collaborazione che si rinnova con Fontemaggiore, una delle compagnie più riconosciute e apprezzate di teatro famiglia a cui si devono i primi due spettacoli, e con la “biblioteca va a teatro” che prevede il prestito dei libri quale ulteriore possibilità di approfondimento di tutte quelle emozioni e suggestioni vissute sulla scena, in un incontro fertile tra linguaggi e arti.

La rassegna si apre il domenica 17 novembre con Mago per Svago della compagnia l’Abile Teatro, premio della Giuria e premio dei Bambini al Festival Clown&Clown di Monte San Giusto 2018 e premio del pubblico al Milano Clown Festival 2018.
INGRESSO LIBERO PER TUTTI

Il 1° dicembre va in scena Scarpette Strette della compagnia Luna e GNAC Teatro, premiato per i migliori attori al Festival di Ribalta 2010, finalista al Festival Fit di Lugano 2009 e finalista al Festival La Rosa d’Oro di Padova 2009.
INGRESSO LIBERO PER TUTTI

Il 26 gennaio lo spettacolo in cartellone è Becco di Rame del Teatro del Buratto, premio miglior spettacolo di teatro di figura EOLO Awards 2018.

Il 2 febbraio è la volta di Più veloce di un raglio del CDT Cada die Teatro, premio EOLO Awards 2015, Premio Padova – Amici di Emanuele Luzzati e Premjo Rosa d’Oro 2015

Ultimo appuntamento il 22 marzo con L’ultimo T-Rex era un Bullo della Compagnia Gli Alcuni-Teatro.

I bambini e i ragazzi fino ai 18 anni entrano gratis.
L’ngresso per gli adulti è di 6 euro.
I primi due spettacoli sono gratuiti per tutti.

Dic
3
mar
PATTI SMITH “Words and Music” @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 3@21:00
<!--:it-->PATTI SMITH "Words and Music"<!--:--><!--:en-->PATTI SMITH "Words and Music"<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Martedì 3 dicembre il Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” ospiterà la “sacerdotessa del rock” Patti Smith con il suo Words and Music, un reading intervallato da alcuni dei brani più famosi dell’artista newyorchese.

I biglietti sono disponibili sul circuito Ticketone www.ticketone.it : 51,75 euro per la platea e i palchi platea, 46 per i palchi di primo e secondo ordine, 40,25 per i palchi di terzo ordine.

Dal sito www.ticketone.it: “Cantante, cantautrice e poetessa Patricia Lee Smith, in arte Patti Smith è nata il 30 dicembre 1946 a Chicago, Illinois. Erano gli anni ’60 quando la giovanissima Patti Smith, poco più che ventenne, si trasferisce nella vibrante New York per trovare la sua strada. Il resto è storia: dalla chiacchierata relazione con il fotografo Robert Mapplethorpe fino alle primissime esibizioni nello storico CBGB’s, senza tralasciare il contratto con la Arista e la pubblicazione di “Horses”, uno dei migliori album della storia del rock. Patti Smith si è conquistata di diritto un posto nell’olimpo delle leggende del rock. Senza dubbio tra gli artisti più influenti di sempre, cantautrice e poetessa di enorme talento, Patti viene spesso citata da illustri colleghi come grande fonte di ispirazione, da Michael Stipe (R.E.M.) a Morrissey e Johnny Marr (The Smiths), da Madonna agli U2 a molti altri. Brani come “People Have The Power”, “Gloria” (cover del brano dei Them di Van Morrison), “Dancing Barefoot” e “Because The Night” (scritta insieme a Bruce Springsteen) sono vere e proprie pietre miliari della musica e dell’immaginario collettivo”.

Dic
6
ven
La Foresta Incantata
Dic 6 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Incontri d’arte a Palazzo Collicola | Fabrizio Plessi: Digital Life @ Palazzo Collicola
Dic 6@17:30

Incontri d’arte a Palazzo Collicola
Fabrizio Plessi: Digital Life
Venerdì 6 dicembre 2019 – ore 17.30
Appartamento Nobile – Salone d’Onore
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto

Fabrizio Plessi è considerato uno dei pionieri della video arte in Italia e sicuramente il primo ad aver utilizzato il monitor televisivo come un vero e proprio materiale fin dagli anni Settanta, dentro cui a scorrere è un flusso inarrestabile di acqua e di fuoco digitale.
Le sue numerose partecipazioni a rassegne d’arte o a festival di cinema e danza internazionali lo pongono da sempre come un artista dalle innovative e anticipatrici sperimentazioni. Performance sonore, architettura, scenografie televisive e teatrali hanno costituito lo sfondo su cui ha innestato le sue videosculture, in cui l’uso della tecnologia è ridotto a elemento naturale, una materia con cui convivere piuttosto che lottare. Nonostante ciò, il disegno rimane ancora oggi uno dei suoi fondamentali stimoli creativi e progettuali.

Venerdì 6 dicembre a Palazzo Collicola Fabrizio Plessi dalle ore 17.30 racconterà della sua esperienza umana e artistica, della sua visione dell’arte e del futuro dell’arte, del rapporto tra memoria e innovazione, passato e presente, partendo dal presupposto che la tecnologia deve essere un mezzo e non un fine, il tutto mostrando immagini e filmati che illustrano la sua spettacolare e intensa ricerca.

Dopo l’incontro avvenuto nel settembre scorso con Michelangelo Pistoletto, quello con Plessi dà continuità a una serie di dialoghi sull’arte contemporanea che non nega quella antica, ma anzi la fa vedere sotto una nuova luce, così come a Palazzo Collicola sia la Galleria d’Arte Moderna che l’Appartamento storico e la sua quadreria scorrono parallele una sull’altra.
L’appuntamento rientra anche nel programma di Mezz’ora dopo la chiusura.

Fabrizio Plessi è nato a Reggio Emilia nel 1940. Vive e lavora a Venezia. In ambito nazionale e internazionale non si contano le sue partecipazioni a importanti rassegne come Biennale di Venezia, Documenta di Kassel o grandi antologiche tenute in vari musei del mondo: dal Guggenheim di New York a quello di Bilbao, dal Museo Civico di Reggio Emilia alle Scuderie del Quirinale di Roma, dal Martin Gropius Bau di Berlino all’IVAM di Valencia, dal MoCA di San Diego al Museo Ludwig di Budapest e Koblenz, dal Kestner Gesellschaft di Hannover al Museo d’Arte Moderna di Maiorca, dal Kunsthistorisches di Vienna alla Fondazione Mirò di Barcellona. Nel 2011 il Padiglione Venezia della Biennale di Venezia ha riaperto dopo anni di chiusura con una imponente mostra di Plessi dal titolo Mari Verticali.
Suggestive le sue installazioni site specific create per spazi antichi e monumentali come Piazza San Marco a Venezia, la Valle dei Templi di Agrigento, la Lonja di Palma de Maiorca, la Sala dei Giganti di Palazzo Te a Mantova o le Terme di Caracalla a Roma, a dimostrazione di una passione per la classicità e per la spettacolarità confermata anche dalle scenografie elettroniche realizzate per Titanic, Icarus, L’opera da tre soldi, Romeo e Giulietta, musicate da compositori quali Philipp Glass e Michael Nyman.
Nel 2015 ha rappresentato con una monumentale scultura elettronica il Padiglione della Bielorussia per Expo Milano e a Venezia si è tenuta la mostra Liquid Life/Liquid life nelle sedi espositive dell’Arsenale e della Galleria G. Franchetti Ca’ d’Oro; nel 2017 ha ideato per il Teatro La Fenice di Venezia Fenix DNA, una suggestiva opera d’arte totale, immersiva e multisensoriale mentre nel 2018 ha tenuto una mostra personale presso il Museo Pushkin di Mosca.
Al Passo del Brennero è stato inaugurato nel novembre del 2013 l’avveniristico Plessi Museum, un’enorme opera di architettura, scultura e design che si integra perfettamente con la visione naturalistica dell’ambiente circostante.
Ha insegnato per dieci anni ”Umanizzazione delle tecnologie” alla Kunsthochschule für Medien di Colonia.
www.fabrizioplessi.net

Proiezione del film CAFARNAO per la Giornata Internazionale dei Diritti dei Bambini @ Cinéma Sala Pegasus
Dic 6@18:00
<!--:it-->Proiezione del film CAFARNAO per la Giornata Internazionale dei Diritti dei Bambini<!--:--><!--:en-->Film Projection: CAFARNAO, by Nadine Labaki<!--:--> @ Cinéma Sala Pegasus

IL DIRITTO AD ESSERE CRESCIUTO
Venerdì 6 dicembre | cinema Sala Pegasus | ore 18.00

Proiezione del film CAFARNAO di Nadine Labaki, per la Giornata Internazionale dei Diritti dei Bambini

Dic
7
sab
La Foresta Incantata
Dic 7 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Dic 7@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Dic
8
dom
La Foresta Incantata
Dic 8 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Fiera dell’Immacolata @ viale Trento e Trieste
Dic 8@08:00–20:00
<!--:it-->Fiera dell'Immacolata<!--:--><!--:en-->Immaculate Conception's Fair<!--:--> @ viale Trento e Trieste

FIERA DELL’IMMACOLATA
Domenica 8 dicembre, ore 8.00 – 20.00
viale Trento e Trieste

Mercatino dell’Antico @ Piazza della Libertà e vie limitrofe
Dic 8@08:00
<!--:it-->Mercatino dell'Antico<!--:--><!--:en-->Antiques Market<!--:--> @ Piazza della Libertà e vie limitrofe | Spoleto | Umbria | Italia

Il Mercatino dell’Antico si svolge ogni seconda domenica del mese in Piazza della Libertà e nelle vie limitrofe, dalla mattina fino al calare del sole.

Offre oggetti di vario genere e qualità, da prodotti di artigianato e di piccolo antiquariato, a capi d’abbigliamento, mobili, gioielli, libri, dipinti.

Alla tradizionale esposizione e vendita di oggetti si aggiungono eventi di musica itinerante e altre iniziative di animazione nel centro storico.

Per partecipare come espositori: Ufficio Commercio del Comune di Spoleto – Tel. 0743 218454 / 55

Babbo Natale con la Croce Rossa @ via Fratelli Cervi e piazza della Libertà
Dic 8@10:00
<!--:it-->Babbo Natale con la Croce Rossa<!--:--><!--:en-->Santa and the Red Cross<!--:--> @ via Fratelli Cervi e piazza della Libertà

BABBO NATALE CON LA CROCE ROSSA
Domenica 8 dicembre | via Fratelli Cervi e piazza della Libertà | ore 10.00
visita al museo della ex Ferrovia Spoleto Norcia e passeggiata fino alla casa di Babbo Natale

***ANNULLATO*** Concerti della Galleria | Stagione 2019/2020 @ Cinéma Sala Pegasus
Dic 8@11:00
<!--:it-->***ANNULLATO*** Concerti della Galleria | Stagione 2019/2020 <!--:--><!--:en-->***CANCELLED*** Gallery Concerts - 2019/20 Season<!--:--> @ Cinéma Sala Pegasus

Concerti della Galleria
Stagione 2019/2020

Domenica 8 dicembre 2019 alle ore 11 presso la Sala Pegasus in Piazza G. Bovio a Spoleto si terrà il primo concerto della nuova stagione ideata ed organizzata dalla galleria Officina d’Arte e Tessuti con il patrocinio del Comune di Spoleto.

Come di consueto il metodo dei curatori è stato quello di individuare uno specifico periodo temporale ed analizzarlo, per offrire al pubblico non solamente l’occasione di un ascolto in un ambiente acusticamente perfetto ed architettonicamente molto suggestivo e raccolto, ma anche e soprattutto una lettura del contesto storico e culturale di riferimento, molto efficace per connotare i legami tra musica e arti visive. Questo in linea con il metodo che la galleria segue nell’allestire mostre di arte contemporanea.
Mentre lo scorso anno il tema è stato il Romanticismo, in particolare il lied romantico, in questa edizione viene messo in luce un periodo ricco dal punto di vista della produzione artistica e musicale quale è il Novecento. “Percorsi musicali del Novecento” è il titolo dei concerti di questa nuova edizione, che inaugura la stagione l’8 Dicembre con una esecuzione dedicata a due maestri fondamentali per la musica moderna e contemporanea quali Alban Berg e Paul Hindemith.

PROGRAMMA

PAUL HINDEMITH
Vierzehn leichte Stücke
Kanonische Variationen
ALBAN BERG
Sieben frühe Lieder
Sonata op.1

INTERPRETI

NYLA van INGEN Soprano
GUSTAVO GASPERINI Violino
MONICA PONTINI Violino
LUCIA SORCI Pianoforte

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Dic 8@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione | Inaugurazione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 8@16:00
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione | Inaugurazione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

La Cappella Musicale del Duomo di Spoleto diretta dal M° Francesco Corrias sarà presente all’inaugurazione della manifestazione Domenica 8 dicembre alle ore 16.00 all’interno della Ex Chiesa di San Simone, luogo di esposizione dei numerosi presepi allestiti per l’evento.

Si avrà la possibilità e la fortuna di ascoltare la prestigiosa compagine musicale spoletina, la più antica della diocesi che si esibirà con brani scelti per l’occasione.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Questo e altri presepi, esposti presso la chiesa dei SS. Simone e Giuda, verranno inaugurati domenica 8 dicembre 2019 alle ore 16.00.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 –  15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Concerto | Gesti Sacri @ Casa Menotti
Dic 8@17:00

GESTI SACRI
concerto
Casa Menotti
8 dicembre ore 17.00

Dalle Danze Sacre di Gurdjieff all’euritmia di Rudolf Steiner, Paneuritmia di Peter Deunov.
Un viaggio dalla spiritualità indiana fino in Persia, Egitto, con gli Assiri e i Babilonesi, alla civiltà Greco Romana, fino alla venuta del Cristo con l’evento del Golgota.
Musiche di De Hartmann, Gurdjieff, Bach, Beethoven, Mozart.

La prima parte dello spettacolo sarà accompagnata da gesti sacri, come modo per ripercorrere attraverso gesti simbolici momenti del passato.
La seconda parte sarà dedicata alla musica, scelta in base alla tonalità.

Violino: Margherita Tamburi
Violino: Veronica Giorgis
Violoncello: Luca Ricci
Flauto Traverso: Giovanni Petrini
Gesti Sacri: Gianluigi Venditti

Ingresso libero – è consigliabile la prenotazione: 0743 46620

GRAN GALA AVIS @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 8@17:00
<!--:it-->GRAN GALA AVIS<!--:--><!--:en-->AVIS GRAN GALA<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

GRAN GALA AVIS
Domenica 8 dicembre | Teatro Nuovo G. C. Menotti | ore 17.00
Concerto dell’Immacolata
Banda “Città di Spoleto”
per la Giornata del Donatore

Dic
9
lun
La Foresta Incantata
Dic 9 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 9 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Dic
10
mar
La Foresta Incantata
Dic 10 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 10 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Stagione di Prosa 2019/2020 | IL SILENZIO GRANDE @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 10@21:00
<!--:it-->Stagione di Prosa 2019/2020 | IL SILENZIO GRANDE<!--:--><!--:en-->2019/2020 Prose Season - Il silenzio grande<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Stagione di Prosa 2019/2020
IL SILENZIO GRANDE
Martedì 10 dicembre, ore 21.00
Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti”
Scrittore napoletano di fama internazionale, Maurizio De Giovanni, autore di numerosi libri di successo, dalla serie Il Commissario Ricciardi fino a I bastardi di Pizzofalcone, è per la prima volta autore di un’inedita commedia, diretta da Alessandro Gassmann.

“Questa storia ha al suo interno grandissime sorprese, misteri che solo un grande scrittore di gialli come Maurizio De Giovanni avrebbe saputo maneggiare con quest’abilità e che la rendono davvero un piccolo classico contemporaneo.
Per rendere al meglio, il teatro necessita di attori che aderiscano in modo moderno ai personaggi e penso che Massimiliano Gallo, con il quale ho condiviso set e avventure cinematografiche, sia oggi uno degli attori italiani più efficaci e completi. Sarà per me una grande gioia dirigerlo in un personaggio per lui ideale. Questo facciamo a teatro, o almeno ci sforziamo di fare, cerchiamo disperatamente la verità, e confidiamo nella vostra voglia di crederci. Buon divertimento.”

Alessandro Gassmann

una commedia di Maurizio De Giovanni
uno spettacolo di Alessandro Gassmann
con Massimiliano Gallo
e con Stefania Rocca, Monica Nappo,
Paola Senatore, Jacopo Sorbini
regista assistente Emanuele Maria Basso
scene Gianluca Amodio
costumi Mariano Tufano
light designer Marco Palmieri
suono Paolo Cillerai
elaborazioni video Marco Schiavoni
musiche originali Aldo & Pivio De Scalzi

produzione
Diana OR.I.S.

Abbonamento 7 spettacoli:
€ 91 (ridotto 77) per platea e I palchi di platea centrale e di I ordine centrale
€ 77 euro (ridotto 63) per I ordine laterale e II e III ordine centrale.
Gli abbonamenti sono sottoscrivibili al Botteghino teatro Nuovo Gian Carlo Menotti dalle (tel. 0743 222647) venerdì 11 ottobre (dalle 17 alle 19), sabato 12 ottobre (dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19), domenica 13 ottobre (dalle ore 10 alle 13) per i vecchi abbonati che potranno riconfermare il proprio abbonamento per lo stesso posto e da lunedì 14 a mercoledì 16 ottobre (dalle ore 17 alle 19) per i nuovi abbonati.

Abbonamento scuola riservato agli studenti di ogni ordine e grado e dell’università a quattro spettacoli: € 28

Costo biglietti:
Platea, posto palco platea centrale, posto palco I ordine centrale: intero € 21 (ridotto € 18 euro)
Posto Palco platea laterale I ordine laterale, II – III ordine centrale: € 17 (ridotto € 14).
Posto palco II e III ordine laterale e galleria: € 10.

Prenotazioni telefoniche
Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria: Tel. 075 57542222 tutti i giorni feriali dalle 16 alle 20 fino al giorno precedente lo spettacolo.

Vendita biglietti

Botteghino Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti tel. 0743 222647 il giorno dello spettacolo dalle 16.30 per gli spettacoli delle 21, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 17 per gli spettacoli delle 17.

Vendita on line da lunedì 4 novembre su: www.teatrostabile.umbria.it

Sabato 2 novembre il botteghino del Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” sarà aperto dalle 17 alle 19 per la vendita dei biglietti degli spettacoli fino a marzo 2020.

Torna anche il progetto di mediazione e di educazione teatrale vivere con lo spettatore la messa in scena di uno spettacolo, attraverso una serie di appuntamenti che prevedono un prima e un dopo la visione.

Dic
11
mer
La Foresta Incantata
Dic 11 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 11 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Dic
12
gio
La Foresta Incantata
Dic 12 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 12 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Il Romanticismo del Secolo Scorso @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 12@21:00
<!--:it-->Il Romanticismo del Secolo Scorso<!--:--><!--:en-->Last Century Romanticism<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

IL ROMANTICISMO DEL SECOLO SCORSO
Giovedì 12 e venerdì 13 dicembre | Teatro Nuovo G. C. Menotti Sala XVII settembre | ore 21.00

IL ROMANTICISMO DEL SECOLO SCORSO
La Filodrammatica Umbra “Gino Fantoni”, con il patrocinio del Comune di Spoleto, presenta due atti unici di Domenico Benedetti Valentini:

Sulla porta di Genesio
con Michela Sciarrini, Catia Bonifazi, Domenico Benedetti Valentini, Ignazio Campoccia

La finestra della nonna
con Maria Rutilia Coccetta, Anna Maria Ceccarelli, Fausto Manasse, Francesca Gosti, Massimiliano Silveri

Regia di Fausto Manasse
Collaboratrici: Maria Grazia Magrini e Patrizia Liberti
Luci e suono: Opera 26

Ingresso: € 15,00
Prevendita: ProLoco Spoleto (via Minervio) Tel. 0743 46484

Dic
13
ven
La Foresta Incantata
Dic 13 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 13 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Incontriamoci alla Rocca | Due appuntamenti con Filippo Lippi @ Rocca Albornoz - Museo Nazionale del Ducato
Dic 13@16:30

Incontriamoci alla Rocca
Omaggio a Filippo Lippi nei 550 anni dalla sua morte

Rocca Albornoz – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto
Venerdì 29 novembre e 13 dicembre 2019 – ore 16.30

Il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto dedicherà gli ultimi due appuntamenti del 2019 di Incontriamoci alla Rocca a Filippo Lippi nei 550 anni della sua morte. L’artista fiorentino muore a Spoleto il 9 ottobre 1469, lasciando incompiuti gli affreschi dell’abside del duomo, avviati nel settembre del 1467 e portati a termine dai suoi collaboratori guidati da fra Diamante.

In cattedrale, stando al racconto di Giorgio Vasari, il pittore viene sepolto in una modesta tomba, ma più tardi Lorenzo il Magnifico, dopo aver inutilmente cercato di trasferirne il corpo a Firenze, dispone perché il figlio Filippino disegni una nobile sepoltura e affida ad Angelo Poliziano la composizione dell’epitaffio commemorativo. Di quel monumento, eretto attorno al 1490, rimangano solo alcuni elementi di indiscussa qualità, tra cui il clipeo con l’energico busto del maestro, ispirato dall’autoritratto che Lippi aveva inserito nell’affresco con la Morte della Madonna al centro del registro inferiore del catino absidale.

Le tappe salienti del percorso del maestro e gli echi della sua produzione nella pittura coeva saranno illustrati venerdì 29 novembre da Laura Teza, professore di Storia dell’Arte dell’Università degli Studi di Perugia, nell’intervento L’esperienza umbra di Filippo Lippi.

Venerdì 13 dicembre Francesco Luisi, professore ordinario di Storia della Musica e Musicologia dell’Università di Parma, presenterà Filippo Lippi e il ballo dell’Incoronazione, una riflessione sull’iconografia musicale negli affreschi spoletini di Lippi.

Le due conferenze, con ingresso gratuito, si terranno alle 16.30 nella Sala Eugenio IV della Rocca Albornoz di Spoleto.

Il Romanticismo del Secolo Scorso @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 13@21:00
<!--:it-->Il Romanticismo del Secolo Scorso<!--:--><!--:en-->Last Century Romanticism<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

IL ROMANTICISMO DEL SECOLO SCORSO
Giovedì 12 e venerdì 13 dicembre | Teatro Nuovo G. C. Menotti Sala XVII settembre | ore 21.00

IL ROMANTICISMO DEL SECOLO SCORSO
La Filodrammatica Umbra “Gino Fantoni”, con il patrocinio del Comune di Spoleto, presenta due atti unici di Domenico Benedetti Valentini:

Sulla porta di Genesio
con Michela Sciarrini, Catia Bonifazi, Domenico Benedetti Valentini, Ignazio Campoccia

La finestra della nonna
con Maria Rutilia Coccetta, Anna Maria Ceccarelli, Fausto Manasse, Francesca Gosti, Massimiliano Silveri

Regia di Fausto Manasse
Collaboratrici: Maria Grazia Magrini e Patrizia Liberti
Luci e suono: Opera 26

Ingresso: € 15,00
Prevendita: ProLoco Spoleto (via Minervio) Tel. 0743 46484

Dic
14
sab
La Foresta Incantata
Dic 14 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 14 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 14 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 14 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Dic 14@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

La Notte dei Campioni @ Ristorante Zengoni
Dic 14@17:00
<!--:it-->La Notte dei Campioni<!--:--><!--:en-->The Champions Night<!--:--> @ Ristorante Zengoni

LA NOTTE DEI CAMPIONI
Sabato 14 dicembre | Ristorante Zengoni dalle ore 17.00

Premiazione dei protagonisti dei campionati nazionali e mondiali a cura di Moto Club Spoleto e cena di gala con campioni della scena internazionale.

Info e prenotazioni:
MotoClubSpoleto – Daniele Cesaretti: 335 8481046

Dic
15
dom
La Foresta Incantata
Dic 15 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 15 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 15 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 15 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Dic 15@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Auguri Maestro @ Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
Dic 15@16:30
<!--:it-->Auguri Maestro<!--:--><!--:en-->Best wishes, Maestro!<!--:--> @ Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi

AUGURI MAESTRO
Domenica 15 dicembre | Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi | ore 16.30

Omaggio della Compagnia Teatrale La Maschera per il compleanno di Gianfrancesco Marignoli

Ingresso libero su prenotazione:
Ufficio IAT Spoleto – Tel. 0743 218620

Dic
16
lun
La Foresta Incantata
Dic 16 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 16 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Dic
17
mar
La Foresta Incantata
Dic 17 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 17 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Dic
18
mer
La Foresta Incantata
Dic 18 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 18 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

UN LIBRO ILLUSTRATO SUI MURI | Gli affreschi del loggiato della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte @ Rocca Albornoz - Museo Nazionale del Ducato
Dic 18@16:30
<!--:it-->UN LIBRO ILLUSTRATO SUI MURI | Gli affreschi del loggiato della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte<!--:--> @ Rocca Albornoz - Museo Nazionale del Ducato

UN LIBRO ILLUSTRATO SUI MURI
Gli affreschi del loggiato della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte

Mercoledì 18 dicembre 2019 – ore 16.30
Rocca Albornoz – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto
Giovedì 19 dicembre 2019 – ore 16.30
Archivio di Stato di Spoleto

In occasione dei restauri recentemente conclusi presso la Rocca Albornoz – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto e dei nuovi studi effettuati dalla locale Sezione di Archivio di Stato, la Direttrice Paola Mercurelli Salari, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Perugia e Sistema Museo,
presenta due appuntamenti dedicati al tema Un libro illustrato sui muri. Gli affreschi dei loggiati della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte.

Gli incontri si terranno mercoledì 18 dicembre nella Sala Eugenio IV della Rocca Albornoz e giovedì 19 dicembre all’Archivio di Stato di Spoleto a partire dalle ore 16.30.

Mercoledì 18 dicembre Paola Mercurelli Salari parlerà dei lavori di restauro appena conclusi, finanziati, per un ammontare di ca. centocinquantamila euro, con la legge 208/2015 che ha erogato un milione di euro per interventi di miglioramento e adeguamento del complesso albornoziano. Sarà Roberto Fofi, restauratore di Ikuvium R.C. srl, a entrare nel dettaglio degli interventi effettuati per il recupero delle superfici pittoriche e lapidee,
Luigi Rambotti, Direttore dell’Archivio di Stato di Perugia, tratterà invece della Rocca tra il XV e XVI secolo, illustrando le novità emerse dai recenti studi condotti sulla documentazione d’archivio.
Maria Paola Bianchi presenterà la ricerca pluriennale eseguita con la collega Maria Rosaria Benvenuti per identificare gli stemmi dei personaggi che si sono succeduti nel governare il fortilizio.

L’evento si concluderà giovedì 19 dicembre alle ore 16.30 presso la Sezione di Archivio di Sato di Spoleto con una visita guidata a cura di Maria Paola Bianchi, che proporrà una selezione di documenti – statuti, riformanze, atti notarili e giudiziari, lettere – funzionale all’identificazione degli stemmi, entrando così nel vivo della metodologia adottata.

Le due giornate costituiscono un’anteprima al programma Dal Museo al Territorio. Itinerari culturali tematici a cura di Sistema Museo, che sarà presentato mercoledì 18 dicembre e prenderà avvio a partire dal mese di gennaio 2020 con un calendario di appuntamenti mensili, ciascuno dei quali dedicato ad uno specifico argomento che sarà introdotto al Museo Nazionale del Ducato di Spoleto e sarà poi approfondito sul territorio con la visita ai luoghi di provenienza delle opere.

La partecipazione ai due incontri di dicembre è gratuita.

Dic
19
gio
La Foresta Incantata
Dic 19 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 19 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

UN LIBRO ILLUSTRATO SUI MURI | Gli affreschi del loggiato della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte @ Archivio di Stato sez. Spoleto - Largo Ermini
Dic 19@16:30
<!--:it-->UN LIBRO ILLUSTRATO SUI MURI | Gli affreschi del loggiato della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte<!--:--> @ Archivio di Stato sez. Spoleto - Largo Ermini

UN LIBRO ILLUSTRATO SUI MURI
Gli affreschi del loggiato della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte

Mercoledì 18 dicembre 2019 – ore 16.30
Rocca Albornoz – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto
Giovedì 19 dicembre 2019 – ore 16.30
Archivio di Stato di Spoleto

In occasione dei restauri recentemente conclusi presso la Rocca Albornoz – Museo Nazionale del Ducato di Spoleto e dei nuovi studi effettuati dalla locale Sezione di Archivio di Stato, la Direttrice Paola Mercurelli Salari, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Perugia e Sistema Museo, presenta due appuntamenti dedicati al tema Un libro illustrato sui muri. Gli affreschi dei loggiati della Rocca Albornoz tra nuovi restauri e fonti scritte.

Gli incontri si terranno mercoledì 18 dicembre nella Sala Eugenio IV della Rocca Albornoz e giovedì 19 dicembre all’Archivio di Stato di Spoleto a partire dalle ore 16.30.

Mercoledì 18 dicembre Paola Mercurelli Salari parlerà dei lavori di restauro appena conclusi, finanziati, per un ammontare di ca. centocinquantamila euro, con la legge 208/2015 che ha erogato un milione di euro per interventi di miglioramento e adeguamento del complesso albornoziano. Sarà Roberto Fofi, restauratore di Ikuvium R.C. srl, a entrare nel dettaglio degli interventi effettuati per il recupero delle superfici pittoriche e lapidee, Luigi Rambotti, Direttore dell’Archivio di Stato di Perugia, tratterà invece della Rocca tra il XV e XVI secolo, illustrando le novità emerse dai recenti studi condotti sulla documentazione d’archivio.
Maria Paola Bianchi presenterà la ricerca pluriennale eseguita con la collega Maria Rosaria Benvenuti per identificare gli stemmi dei personaggi che si sono succeduti nel governare il fortilizio.

L’evento si concluderà giovedì 19 dicembre alle ore 16.30 presso la Sezione di Archivio di Sato di Spoleto con una visita guidata a cura di Maria Paola Bianchi, che proporrà una selezione di documenti – statuti, riformanze, atti notarili e giudiziari, lettere – funzionale all’identificazione degli stemmi, entrando così nel vivo della metodologia adottata.

Le due giornate costituiscono un’anteprima al programma Dal Museo al Territorio. Itinerari culturali tematici a cura di Sistema Museo, che sarà presentato mercoledì 18 dicembre e prenderà avvio a partire dal mese di gennaio 2020 con un calendario di appuntamenti mensili, ciascuno dei quali dedicato ad uno specifico argomento che sarà introdotto al Museo Nazionale del Ducato di Spoleto e sarà poi approfondito sul territorio con la visita ai luoghi di provenienza delle opere.

La partecipazione ai due incontri di dicembre è gratuita.

#TEA – Testi Esperienze Archeologia …Al Museo alle cinque @ Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto
Dic 19@17:00
Dic
20
ven
La Foresta Incantata
Dic 20 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 20 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 20 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 20 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Do Re Mi…lle Auguri @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 20@17:00
<!--:it-->Do Re Mi...lle Auguri<!--:--><!--:en-->Do Re Mi...lle Auguri<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

DE RE MI…LLE AUGURI
Venerdì 20 dicembre | Teatro Nuovo G. C. Menotti | ore 17.00

Concerto di Natale degli allievi della Scuola comunale di Musica e Danza “A. Onofri”

Ingresso libero

Mezz’ora dopo la chiusura | HENRY MOORE E SPOLETO @ Palazzo Collicola
Dic 20@18:30

MEZZ’ORA DOPO LA CHIUSURA

HENRY MOORE E SPOLETO

Evento a cura di Sistema Museo
Palazzo Collicola – Spoleto

In occasione delle festività natalizie Mezz’ora dopo la chiusura presenta un calendario di appuntamenti che si svolgeranno tutti i venerdì di dicembre 2019 e gennaio 2020 nelle meravigliose cornici di Palazzo Collicola e della Rocca Albornoz di Spoleto. Grazie al prezioso contributo di artisti, storici dell’arte e docenti universitari, verranno trattati argomenti che vanno da Filippo Lippi, alla pittura del XVII secolo fino all’arte contemporanea.

Il tema dell’appuntamento di Mezz’ora dopo la chiusura di venerdì 20 dicembre 2019, in programma alle ore 18.30, sarà Henry Moore, artista di fama internazionale che arrivò in città grazie a Giovanni Carandente e alla mostra Sculture nella città. L’esperienza sarà ripercorsa attraverso foto, lettere e documenti che metteranno inoltre in luce il profondo rapporto tra lo scultore inglese e Giovanni Carandente.

La serata prosegue con un aperitivo. Si ringrazia Con Spoleto – Consorzio Albergatori di Spoleto.

L’appuntamento è a Palazzo Collicola alle ore 18.30.

Quota di partecipazione
Visita guidata – Intero € 7,00
Visita guidata – Ridotto € 5,00 per Spoleto Card e fidelizzati
Aperitivo – € 5,00

E’ consigliata la prenotazione entro le 13.00 del venerdì:
news.spoletomusei@sistemamuseo.it – 0743.46434

Per informazioni e prenotazioni
Sistema Museo 0743.46434 – news.spoletomusei@sistemamuseo.it

Dic
21
sab
La Foresta Incantata
Dic 21 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 21 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 21 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 21 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Dic 21@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Scambiamoci gli Auguri! @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 21@21:00
<!--:it-->Scambiamoci gli Auguri!<!--:--><!--:en-->Let's exchange wishes!<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

SCAMBIAMOCI GLI AUGURI!
Sabato 21 dicembre | Teatro Nuovo G. C. Menotti | ore 21.00

Concerto di Natale con la Novi Toni Comites Orchestra, Stefano Mhanna direttore e violino solista e i Laudesi Umbri
Progetto Omaggio all’Umbria per le Aree del Cratere a cura di Laura Musella.

Ingresso libero su prenotazione:
Ufficio IAT Spoleto – Tel. 0743 218620

Dic
22
dom
La Foresta Incantata
Dic 22 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 22 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 22 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 22 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Dic 22@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Dic
23
lun
La Foresta Incantata
Dic 23 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 23 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Dic 23@16:00
Dic
24
mar
La Foresta Incantata
Dic 24 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 24 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Dic
25
mer
La Foresta Incantata
Dic 25 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 25 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Dic
26
gio
La Foresta Incantata
Dic 26 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 26 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 26 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 26 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Dic 26@16:00
Dic
27
ven
La Foresta Incantata
Dic 27 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 27 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 27 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 27 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Torneo Città di Spoleto – Pallavolo @ palestre cittadine
Dic 27–Dic 30 giorno intero
<!--:it-->Torneo Città di Spoleto - Pallavolo<!--:--><!--:en-->City of Spoleto Volleyball Tournament<!--:--> @ palestre cittadine

TORNEO CITTÀ DI SPOLETO
da venerdì 27 a domenica 30 dicembre | nelle palestre cittadine

13° torneo internazionale organizzato dalla Ass. Volley Spoleto

Giornata spoletina dei Grandi dello Sport @ Complesso Monumentale di San Nicolò
Dic 27@16:00
<!--:it-->Giornata spoletina dei Grandi dello Sport<!--:--><!--:en-->Day of the Greatest Spoleto Athletes<!--:--> @ Complesso Monumentale di San Nicolò

GIORNATA SPOLETINA DEI GRANDI DELLO SPORT
Venerdì 27 dicembre | Complesso Monumentale di San Nicolò | ore 16.00

Premiazione atleti spoletini che si sono distinti nelle gare internazionali

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Dic 27@16:00
Mezz’ora dopo la chiusura | FRA CIELO E TERRA Gli angeli nell’arte @ Palazzo Collicola
Dic 27@18:30

MEZZ’ORA DOPO LA CHIUSURA

FRA CIELO E TERRA
Gli angeli nell’arte

Evento a cura di Sistema Museo
Palazzo Collicola – Spoleto

In occasione delle festività natalizie Mezz’ora dopo la chiusura presenta un calendario di appuntamenti che si svolgeranno tutti i venerdì di dicembre 2019 e gennaio 2020 nelle meravigliose cornici di Palazzo Collicola e della Rocca Albornoz di Spoleto. Grazie al prezioso contributo di artisti, storici dell’arte e docenti universitari, verranno trattati argomenti che vanno da Filippo Lippi, alla pittura del XVII secolo fino all’arte contemporanea.

Mezz’ora dopo la chiusura torna venerdì 27 dicembre 2019 alle ore 18.30 con Fra cielo e terra. Gli angeli nell’arte. Si ripercorrerà l’evoluzione di una delle iconografie sacre più diffuse, che verrà narrata attraverso i dipinti del Piano Nobile di Palazzo Collicola. La serata prosegue con un aperitivo. Si ringrazia Con Spoleto – Consorzio Albergatori di Spoleto.

L’appuntamento è a Palazzo Collicola alle ore 18.30.

Quota di partecipazione
Visita guidata – Intero € 7,00
Visita guidata – Ridotto € 5,00 per Spoleto Card e fidelizzati
Aperitivo – € 5,00

E’ consigliata la prenotazione entro le 13.00 del venerdì:
news.spoletomusei@sistemamuseo.it – 0743.46434

Per informazioni e prenotazioni
Sistema Museo 0743.46434 – news.spoletomusei@sistemamuseo.it

CABARET YIDDISH di e con MONI OVADIA @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 27@21:00
<!--:it-->CABARET YIDDISH di e con MONI OVADIA<!--:--><!--:en-->YIDDISH CABARET, by MONI OVADIA<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti, ore 21.00
CABARET YIDDISH di e con MONI OVADIA
A cura di: Festival dei Due Mondi

Con la Stage Orchestra formata da Maurizio Dehò, violino, Paolo Rocca, clarinetto, Albert Florian Mihai, fisarmonica, e Luca Garlaschelli, contrabbasso. Al suono Mauro Pagiaro. Lo spettacolo è prodotto da Oylem Goylem Produzioni e Corvino Produzioni.

La lingua, la musica e la cultura Yiddish, quell’inafferrabile miscuglio di tedesco, ebraico, polacco, russo, ucraino e romeno, la condizione universale dell’Ebreo errante, il suo essere senza patria sempre e comunque, sono al centro di Cabaret Yiddish spettacolo da camera da cui è poi derivato il più celebre Oylem Goylem.

Si potrebbe dire che lo spettacolo abbia la forma classica del cabaret comunemente inteso. Alterna infatti brani musicali e canti a storielle, aneddoti, citazioni che la comprovata abilità dell’intrattenitore sa rendere gustosamente vivaci. Ma la curiosità dello spettacolo sta nel fatto di essere interamente dedicato a quella parte di cultura ebraica di cui lo Yiddish è la lingua e il Klezmer la musica.

Uno spettacolo che “sa di steppe e di retrobotteghe, di strade e di sinagoghe”. Tutto questo è ciò che Moni Ovadia chiama “il suono dell’esilio, la musica della dispersione”: in una parola della diaspora.

La musica Klezmer deriva dalle parole ebraiche Kley Zemer, che si riferiscono agli strumenti musicali (violino ed archi in genere e clarinetto) con cui si suonava la musica tradizionale degli Ebrei dell’est europeo a partire all’incirca dal XVI secolo.

Lo spettacolo

Ho scelto di dimenticare la “filologia” per percorrere un’altra possibilità proclamando che questa musica trascende le sue coordinate spazio-temporali “scientificamente determinate” per parlarci delle lontananze dell’uomo, della sua anima ferita, dei suoi sentimenti assoluti, dei suoi rapporti con il mondo naturale e sociale, del suo essere “santo”, della sua possibilità di ergersi di fronte all’universo, debole ma sublime. Gli umili che hanno creato tutto ciò prima di poter diventare uomini liberi, sono stati depredati della loro cultura e trasformati in consumatori inebetiti ma sono comunque riusciti a lasciarci una chance postuma, una musica che si genera laddove la distanza fra cielo e terra ha la consistenza di una sottile membrana imenea che vibrando, magari solo per il tempo di una canzonetta, suggerisce, anche se è andata male, che forse siamo stati messi qui per qualcos’altro.

Moni Ovadia

INFORMAZIONI
+39 345 39 82 114
biglietteria@festivaldispoleto.com
www.festivaldispoleto.com

BOX OFFICE SPOLETO
PIAZZA DELLA VITTORIA, 25
dal lunedì al venerdì 9.30-13.00/16.00-19.30
sabato 9.30-13.00
prenotazioni e vendita: +39 0743 22 28 89

CIRCUITI DI VENDITA
Ticketitalia / Boxol / Ticketone

Dic
28
sab
La Foresta Incantata
Dic 28 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 28 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 28 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 28 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Dic 28@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Dic 28@16:00
The legend of ENNIO MORRICONE – Ensemble Simphony Orchestra @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Dic 28@21:00
<!--:it-->The legend of ENNIO MORRICONE - Ensemble Simphony Orchestra<!--:--><!--:en-->The legend of ENNIO MORRICONE - Ensemble Simphony Orchestra<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

The Legend of Ennio Morricone
Ensemble Simphony Orchestra

28 dicembre, ore 21.00
Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Il Buono Il Brutto Ed Il Cattivo, Mission, La Leggenda Del Pianista Sull’oceano, C’era Una Volta Il West, Nuovo Cinema Paradiso, Per Un Pugno Di Dollari, The Hateful Eight, C’era Una Volta In America, Per Qualche Dollaro In Piu’, Malena… Gli straordinari capolavori di uno dei piu’ grandi compositori musicali riarrangiati e proposti in un concerto teatrale di grande impatto emotivo.

500 colonne sonore, 70 milioni di dischi venduti nel mondo, sei nominations e due Oscar vinti, tre Grammy, quattro Golden Globe e un Leone d’Oro fanno di Ennio Morricone un gigante della musica di tutti i tempi.

Diretta dal Maestro Giacomo Loprieno, l’ENSEMBLE SYMPHONY ORCHESTRA si avvicina alla musica di Morricone dopo importanti collaborazioni nazionali ed internazionali: Mario Biondi, Max Gazzè, Franco Battiato, Giovanni Allevi, Renato Zero, Francesco Renga, Pooh, Baustelle, PFM, Andrea Bocelli, Sting, Kylie Minogue, Robbie Williams, Nile Rodgers, Sam Smith, Luis Bacalov. Con oltre seicento concerti tra Italia, Svizzera, Germania, Spagna, Olanda, Francia, Austria, Regno Unito e Belgio, l’orchestra presenta una grande versatilità e attenzione per ogni tipo di musica, con un repertorio che spazia dalle arie d’opera più conosciute alle colonne sonore di film di fama mondiale (come Frozen ed Harry Potter).

Sul palco si alterneranno solisti, prime parti di importanti teatri e istituzioni sinfoniche italiane, come il violoncello del Maestro Ferdinando Vietti e la tromba del Maestro Stefano Benedetti. Ospiti speciali il soprano Anna Delfino, beniamina del pubblico europeo dell’opera, che farà rivivere l’emozione del Deborah’s Theme da “C’era una volta in America” e il violinista del Cirque du Soleil Attila Simon, che eseguirà il concerto interrotto per violino da “Canone Inverso”.

Prevendita biglietti: circuiti Ticketitalia e Ticketone

Dic
29
dom
La Foresta Incantata
Dic 29 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Dic 29 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Dic 29 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 29 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Dic 29@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI DICEMBRE

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Dic
30
lun
La Foresta Incantata
Dic 30 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 30 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Dic 30@16:00
Dic
31
mar
CAPODANNO A SPOLETO @ Piazza Garibaldi e centro storico
Dic 31 2019–Gen 1 2020 giorno intero
<!--:it-->CAPODANNO A SPOLETO<!--:--><!--:en-->NEW YEAR'S EVE IN SPOLETO<!--:--> @ Piazza Garibaldi e centro storico

Due gli eventi in programma a Spoleto per salutare il 2019 e dare il benvenuto al nuovo anno.

Il 31 dicembre a partire dalle ore 22.30, Piazza Garibaldi ospiterà il concerto di Tony Esposito con Enrico Capuano & La TammurriataRock, uno straordinario progetto musicale che combina il sound ritmico e partenopeo a quello del rock folk.

Per le vie e le piazze del centro storico si festeggerà il Capodanno anche con la Banda Irè, una street band composta da 12 elementi che accoglierà il 2020 a suon di Samba, Axé, Samba-reggae e funky.

Allo scoccare della mezzanotte si potrà assistere al suggestivo spettacolo pirotecnico che, dalla Rocca Albornoz, riempirà di suoni e colori il cielo di Spoleto.

La Foresta Incantata
Dic 31 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Dic 31 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
1
mer
La Foresta Incantata
Gen 1 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 1 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
2
gio
La Foresta Incantata
Gen 2 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 2 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
3
ven
La Foresta Incantata
Gen 3 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 3 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 3 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 3 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Gen 3@16:00
Gen
4
sab
La Foresta Incantata
Gen 4 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 4 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 4 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 4 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Gen 4@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Gen 4@16:00
Gen
5
dom
La Foresta Incantata
Gen 5 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 5 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 5 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 5 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Gen 5@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Gen
6
lun
La Foresta Incantata
Gen 6 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 6 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 6 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 6 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

La Befana della Croce Rossa @ piazzale Auditorium della Stella
Gen 6@15:00
<!--:it-->La Befana della Croce Rossa<!--:--><!--:en-->The Red Cross' Befana<!--:--> @ piazzale Auditorium della Stella

LA BEFANA DELLA CROCE ROSSA
Lunedì 6 gennaio | piazzale Auditorium della Stella dalle | ore 15.00
Intrattenimento in attesa dell’arrivo della Befana

LUX MUNDI | Visite guidate al Complesso del Duomo di Spoleto @ Duomo di Spoleto, Museo Diocesano e Basilica di S. Eufemia
Gen 6@16:00
I Giovani Talenti Spoletini – Concerto dell’Epifania @ Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi
Gen 6@17:00
<!--:it-->I Giovani Talenti Spoletini - Concerto dell'Epifania<!--:--><!--:en-->Spoleto Young Talents - Epiphany concert <!--:--> @ Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi

I GIOVANI TALENTI SPOLETINI
Lunedì 6 gennaio | Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi | ore 17.00
Concerto dell’Epifania con Samuele Telari alla fisarmonica

Ingresso libero su prenotazione:
Ufficio IAT Spoleto – Tel. 0743 218620

Gen
7
mar
La Foresta Incantata
Gen 7 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 7 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
8
mer
La Foresta Incantata
Gen 8 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 8 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
9
gio
La Foresta Incantata
Gen 9 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 9 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
10
ven
La Foresta Incantata
Gen 10 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 10 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 10 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 10 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
11
sab
La Foresta Incantata
Gen 11 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 11 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 11 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 11 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Gen 11@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Riposino in pace | Commedia teatrale @ Teatro Caio Melisso - Spazio Carla Fendi
Gen 11@21:00
<!--:it-->Riposino in pace | Commedia teatrale<!--:--><!--:en-->Riposino in pace | Theatre comedy<!--:--> @ Teatro Caio Melisso - Spazio Carla Fendi

RIPOSINO IN PACE
Sabato 11 gennaio | Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi | ore 21.00

Commedia a cura della Compagnia Teatrale GAD La Maschera
Ingresso a pagamento

Gen
12
dom
La Foresta Incantata
Gen 12 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 12 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 12 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 12 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Mercatino dell’Antico @ Piazza della Libertà e vie limitrofe
Gen 12@08:00
<!--:it-->Mercatino dell'Antico<!--:--><!--:en-->Antiques Market<!--:--> @ Piazza della Libertà e vie limitrofe | Spoleto | Umbria | Italia

Il Mercatino dell’Antico si svolge ogni seconda domenica del mese in Piazza della Libertà e nelle vie limitrofe, dalla mattina fino al calare del sole.

Offre oggetti di vario genere e qualità, da prodotti di artigianato e di piccolo antiquariato, a capi d’abbigliamento, mobili, gioielli, libri, dipinti.

Alla tradizionale esposizione e vendita di oggetti si aggiungono eventi di musica itinerante e altre iniziative di animazione nel centro storico.

Per partecipare come espositori: Ufficio Commercio del Comune di Spoleto – Tel. 0743 218454 / 55

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Gen 12@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Stagione di Prosa 2019/2020 | L’ONORE PERDUTO DI KATHARINA BLUM @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Gen 12@21:00
<!--:it-->Stagione di Prosa 2019/2020 | L’ONORE PERDUTO DI KATHARINA BLUM<!--:--><!--:en-->2019/2020 Prose Season - L'onore perduto di Katharina Blum<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

Stagione di Prosa 2019/2020
L’ONORE PERDUTO DI KATHARINA BLUM
Domenica 12 gennaio 2020, ore 21.00
Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti”
Nonostante siano trascorsi più di quarant’anni dall’uscita del romanzo, si rimane colpiti dall’attualità di alcune problematiche emerse nel secondo dopoguerra e sviscerate da Böll nei primi anni Settanta: tra queste vi sono senza dubbio quelle riguardanti l’uso dei mezzi di comunicazione di massa e le forme di violenza intrinseche al linguaggio mediatico.

Heinrich Böll (1959): “… chi si serve pubblicamente delle parole mette in movimento mondi interi e nel piccolo spazio compreso tra due righe si può ammassare talmente tanta dinamite da far saltare in aria questi mondi…”

“Portare in scena un romanzo implica di poter contare su interpreti che incarnino appieno i diversi personaggi concepiti sulla pagina dall’autore” commenta il regista Franco Però “È stata per noi una fortuna avere a disposizione un gruppo di attori – la Compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia – che ho immaginato immediatamente nelle diverse figure del libro. A loro si uniscono – finalmente sul palcoscenico, dopo le loro felici esperienze cinematografiche e nelle fiction televisive più seguite – Peppino Mazzotta, un artista giusto e completo, ed Elena Radonicich che ho trovato perfetta per dare vita a Katharina Blum”.

dal romanzo di Heinrich Böll
adattamento Letizia Russo
con Elena Radonicich, Peppino Mazzotta
e la Compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia: Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Riccardo Maranzana,
Francesco Migliaccio, Jacopo Morra,
Maria Grazia Plos
regia Franco Però
scene Domenico Franchi
costumi Andrea Viotti
luci Pasquale Mari

produzione
Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale, Teatro Stabile di Catania

Abbonamento 7 spettacoli:
€ 91 (ridotto 77) per platea e I palchi di platea centrale e di I ordine centrale
€ 77 euro (ridotto 63) per I ordine laterale e II e III ordine centrale.
Gli abbonamenti sono sottoscrivibili al Botteghino teatro Nuovo Gian Carlo Menotti dalle (tel. 0743 222647) venerdì 11 ottobre (dalle 17 alle 19), sabato 12 ottobre (dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19), domenica 13 ottobre (dalle ore 10 alle 13) per i vecchi abbonati che potranno riconfermare il proprio abbonamento per lo stesso posto e da lunedì 14 a mercoledì 16 ottobre (dalle ore 17 alle 19) per i nuovi abbonati.

Abbonamento scuola riservato agli studenti di ogni ordine e grado e dell’università a quattro spettacoli: € 28

Costo biglietti:
Platea, posto palco platea centrale, posto palco I ordine centrale: intero € 21 (ridotto € 18 euro)
Posto Palco platea laterale I ordine laterale, II – III ordine centrale: € 17 (ridotto € 14).
Posto palco II e III ordine laterale e galleria: € 10.

Prenotazioni telefoniche
Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria: Tel. 075 57542222 tutti i giorni feriali dalle 16 alle 20 fino al giorno precedente lo spettacolo.

Vendita biglietti

Botteghino Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti tel. 0743 222647 il giorno dello spettacolo dalle 16.30 per gli spettacoli delle 21, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 17 per gli spettacoli delle 17.

Vendita on line da lunedì 4 novembre su: www.teatrostabile.umbria.it

Sabato 2 novembre il botteghino del Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti” sarà aperto dalle 17 alle 19 per la vendita dei biglietti degli spettacoli fino a marzo 2020.

Torna anche il progetto di mediazione e di educazione teatrale vivere con lo spettatore la messa in scena di uno spettacolo, attraverso una serie di appuntamenti che prevedono un prima e un dopo la visione.

Gen
13
lun
La Foresta Incantata
Gen 13 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 13 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

The Blue Band Live @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Gen 13@21:00
<!--:it-->The Blue Band Live<!--:--><!--:en-->The Blue Band Live<!--:--> @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti

THE BLUE BAND LIVE
Lunedì 13 gennaio | Teatro Nuovo G. C. Menotti | ore 21.00
Concerto Blues Brothers soundtrack & much more

L’attuale formazione comprende: 1 voci solista, 3 coriste, 3 sax, 2 trombe, 1 trombone,2 chitarre, 2 tastiere, basso e batteria per un totale di 16 elementi che sul palco danno vita ad un vero e proprio spettacolo che trascina il pubblico in un vortice di musica e divertimento!
La Band propone un vasto repertorio che racchiude i migliori pezzi di Blues, Soul e Rythm’n blues di tutti i tempi riproponendo autori ed interpreti quali James Brown, Ray Charles, Aretha Franklin, Sam & Dave, The blues brothers e molti altri …senza dimenticare il blues di casa nostra con le note di Zucchero Sugar Fornaciari!
Dopo anni di spettacoli dal vivo e dopo aver saltato insieme a migliaia di persone nelle piazze più disparate,nel 2011 la Band ha avuto il piacere e l’onore di aprire il concerto del gruppo a cui,per varie ragioni, si ispira: The original Blues Brothers Band!!!
Carico di questa straordinaria esperienza, il gruppo continua a girare di piazza in piazza con un nuovi spettacoli che coinvolgeranno il pubblico di ogni età … seguiteci e condividete con noi le prossime date…
La missione resta sempre la stessa: divertire e divertirsi con la buona musica…garantito!

Ingresso libero su prenotazione:
Ufficio IAT Spoleto – Tel. 0743 218620

Gen
14
mar
La Foresta Incantata
Gen 14 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Spoleto, La Città in un Presepe – X edizione @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello
Gen 14 giorno intero
<!--:it-->Spoleto, La Città in un Presepe - X edizione<!--:--> @ Ex Chiesa di San Simone, Piazza Campello

Ricca e variegata la X edizione della rassegna artistico-culturale Spoleto, La Città in un Presepe, organizzata da la Pro Loco di Spoleto “A. Busetti”con il Patrocinio del Comune di Spoleto, della Regione dell’Umbria e dell’UNPLI Umbria che inizierà l’8 dicembre 2019, e terminerà, come da consuetudine, il 14 gennaio 2020.

Prosegue quest’anno la collaborazione tra la Proloco di Spoleto “A. Busetti” e gli studenti dell’Istituto Istruzione Superiore “Sansi Leonardi Volta” per la creazione di un grande presepe tridimensionale ispirato alla Natività affrescata da Filippo Lippi nel Duomo di Spoleto. Gli allievi del Liceo Artistico, sezione scenografia, hanno infatti lavorato alla prosecuzione del progetto con la costruzione di nuovi elementi della composizione e con un primo intervento pittorico sulle statue già realizzate per la precedente edizione. Il presepe sarà esposto, dall’8 dicembre 2019 al 14 gennaio 2020, nell’abside della ex chiesa di San Simone in piazza Campello.

Sarà possibile visitare la mostra tutti i giorni con il seguente orario 11.00/13.00 – 15.00/19.00.

Per l’occasione anche l’Ospedale San Matteo degli Infermi di Spoleto ha realizzato un Presepe che sarà esposto nel reparto Pediatria dello stesso. L’opera è a cura di Rosanna Mele e Fabiola Bocchini.

Tra le molteplici attività che la Pro Loco “A. Busetti“ di Spoleto, quest’anno propone si segnala la lettura di poesia, curata da Sandro Costanzi e organizzata in sinergia con l’associazione “Fare Cultura” dal titolo Benedetta TU fra le Donne che si terrà presso il Ristorante Canasta (Spoleto, Piazza della Libertà) sabato 14 Dicembre 2019 alle ore 17.00.

Gen
15
mer
La Foresta Incantata
Gen 15 giorno intero
<!--:it-->La Foresta Incantata<!--:-->

LA FORESTA INCANTATA
Sabato 30 novembre – Mercoledì 15 gennaio 2020
parco Chico Mendes

Uno spazio dove ammirare le luminarie artistiche e assistere, ogni weekend, a concerti musicali e spettacoli natalizi.

Vivi la magia del Natale con La Foresta Incantata, il più grande parco di luminarie natalizie del centro Italia.

– Luminarie Giganti,
– Mercatini di Natale,
– Punti ristoro,
– Spettacoli per adulti e bambini tutte le sere,
– Bambini gratis fino a 3 anni.

Grande inaugurazione Sabato 30 Novembre con The Avengers, tutte le mascotte Disney e spettacolo del fuoco.

Domenica 1 Dicembre Le Principesse Disney, Mascotte e artisti di strada.

Orario di apertura:
da lunedì a giovedì dalle 16:30 alle 21:30
venerdì e domenica dalle 16.30 alle 23.00
sabato dalle 16.30 alle 24.00

Ingresso:
Adulti: dal lunedì al venerdì € 5 – sabato, domenica e festivi € 10
Bambini: fino a 3 anni gratis – dai 4 ai 12 anni sempre € 5
Abitanti di Spoleto: sempre € 5
Portatori di handicap con accompagnatore: gratis

Gen
17
ven
FAUNA 2020 SPOLETO | Tre giorni alla scoperta della collezione Bernardino Ragni e del gatto dei boschi @ Spoleto
Gen 17 giorno intero
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 17 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 17 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Gen
18
sab
FAUNA 2020 SPOLETO | Tre giorni alla scoperta della collezione Bernardino Ragni e del gatto dei boschi @ Spoleto
Gen 18 giorno intero
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 18 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 18 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Gen 18@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Gen
19
dom
FAUNA 2020 SPOLETO | Tre giorni alla scoperta della collezione Bernardino Ragni e del gatto dei boschi @ Spoleto
Gen 19 giorno intero
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 19 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 19 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Fiera di San Ponziano @ viale Trento e Trieste
Gen 19@08:00–20:00
<!--:it-->Fiera di San Ponziano<!--:--><!--:en-->Spoleto Patron Saint's Fair<!--:--> @ viale Trento e Trieste

FIERA DI SAN PONZIANO
Domenica 19 gennaio | viale Trento e Trieste dalle 8.00 alle 20.00
Fiera dedicata al Santo Patrono di Spoleto

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Gen 19@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Gen
24
ven
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 24 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 24 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Gen
25
sab
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 25 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 25 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Visita Guidata SPOLETO CARD | Il nuovo volto di Palazzo Collicola – La Galleria d’Arte Moderna G. Carandente @ Palazzo Collicola
Gen 25@15:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

Gen
26
dom
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 26 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 26 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e aver fatto parte del gruppo dei 6 di Spoleto, è presente nella collezione della Galleria d’Arte Moderna della città.

Nati come sperimentazione tra il 1958 e il 1964, i Collages rappresentano il raggiungimento di un’importante indagine estetica di Piero Raspi. Già nelle prime opere, realizzate nel 1958 quando ancora faceva parte del gruppo dei 6, le astratte e raffinate architetture di semplici fogli giustapposti e sovrapposti sembrano essere percorse da guizzi vitali che nel tempo si faranno via via più marcati. Con l’avvio degli anni ’60, la struttura delle opere diviene più dinamica con l’affiorare, tra gli strati di carta, di componenti quali fotografie, lettere e oggetti tridimensionali. Questo riferimento alla realtà quotidiana, imprime ai Collages un’energia da non-sense, che rende le opere affini alla decontestualizzazione new-dada tipica in quello stesso periodo dell’americano Robert Rauschenberg.
La produzione, si alterna ai grandi quadri informali, pur con evidenti differenze: dalle dimensioni ai materiali, dall’impatto cromatico a quello spaziale. Ma ciò che maggiormente differenzia i quadri dai Collages è la presenza in quest’ultimi di una vena ironica leggera e sottile come una velatura. Caratteristica comune a tutti, è l’essere stati per anni celati negli archivi dell’autore è per questo essere, per alcuni, assolutamente inediti.

La mostra inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020, dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Piero Raspi – Nasce il 12 febbraio del 1926 a Spoleto. Nella cittadina umbra avvierà, nell’ambito del post-cubismo, la sua fortunata carriera artistica e sarà tra i fondatori, nei primi anni Cinquanta, del Gruppo di Spoleto oltre che del Premio Spoleto. Dalla metà degli anni Cinquanta il riferimento principale diventa l’ambito informale, da cui apprende nuove possibilità espressive della materia al di fuori di ogni superstite esigenza figurativa. Nel 1957, entra a far parte degli artisti gravitanti attorno alla galleria “L’Attico” di Roma, dove esporrà ciclicamente. Il 1958 è l’anno in cui partecipa alla Biennale di Venezia, giungendo alla ribalta internazionale. In questo periodo viene identificato come uno dei protagonisti dell’informale materico, affine alla poetica di Burri e Tàpies. Con l’inizio degli anni Sessanta tiene numerose mostre personali e collettive in Italia, tra cui la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma. All’estero espone in numerose città, tra le altre, Londra, Los Angeles, San Paolo del Brasile, Rio de Janeiro, Stoccarda, Parigi, Bruxelles, Colonia, Montreal, Madrid, Barcellona, Edimburgo, Chicago, Lucerna, Tel Aviv, Salisburgo, Zurigo e Tokyo. Nel 1967 si reca negli Stati Uniti stabilendosi in Pennsylvania. Qui si confronta con le nuove ricerche dalla Pop Art. In questo periodo dipinge una serie di quadri che poi espone a Philadelphia e New York. A partire dal 1978, inizia una nuova fase pittorica contrassegnata da opere di un inedito cromatismo. Con l’inizio del nuovo millennio, oltre alla realizzazione dei monocromi, abbraccia altre forme di espressione creativa e ricorre all’uso di nuovi materiali come l’acciaio. Realizza nel 2001 a Spoleto, presso l’Albornoz Palace, una scultura parietale in lastre di acciaio, dove trasferisce le astratte e raffinate architetture dei Collages realizzati dalla fine degli anni Cinquanta. A partire dal secondo decennio degli anni Duemila, si concentra sulla revisione critica e catalogazione delle sue opere, oltre che al restauro di alcune carte e Collages degli anni Cinquanta e Sessanta. www.pieroraspi.com

Visita Guidata SPOLETO CARD @ Siti museali di Spoleto
Gen 26@11:30

SPOLETO CARD
IL PROGRAMMA DELLE VISITE GUIDATE DI GENNAIO

Le visite guidate tematiche sono gratuite PER I POSSESSORI della SPOLETO CARD.
Coloro che non hanno la SPOLETO CARD potranno partecipare alle VISITE GUIDATE TEMATICHE in programma con una tariffa agevolata di € 3.00 a persona (con il biglietto del museo, dove è previsto).

Per informazioni e prenotazione:
Soc. Coop. Sistema Museo – Spoleto – Tel e Fax 0743.46434 – 0743.224952 e-mail: info@spoletocard.it

La Domenica dei Sogni – Teatro Famiglia – 12a edizione @ Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti
Gen 26@16:30

Torna per il dodicesimo anno consecutivo la rassegna di teatro famiglia La Domenica dei Sogni, ideata per avvicinare le nuove generazioni e le famiglie alla magia del teatro.

Il programma 2019-2020 ha in cartellone cinque nuovi spettacoli al Teatro Nuovo Menotti, sempre alle ore 16.30, sempre la domenica, che sono stati scelti accuratamente tra le produzioni delle migliori compagnie nazionali.

Quest’anno inoltre i primi due spettacoli sono ad ingresso libero grazie al progetto “Arriva il teatro!”, promosso da Fontemaggiore e sostenuto dal Mibact e della Regione Umbria, che nasce dall’ esigenza di ricostruire un’offerta culturale nei territori colpiti dal sisma del Centro Italia, al fine di facilitare occasioni di incontro e relazioni sociali tra gli abitanti anche in termini di promozione turistica e visibilità del patrimonio ambientale e culturale.

Tra tante novità anche le conferme: come la collaborazione che si rinnova con Fontemaggiore, una delle compagnie più riconosciute e apprezzate di teatro famiglia a cui si devono i primi due spettacoli, e con la “biblioteca va a teatro” che prevede il prestito dei libri quale ulteriore possibilità di approfondimento di tutte quelle emozioni e suggestioni vissute sulla scena, in un incontro fertile tra linguaggi e arti.

La rassegna si apre il domenica 17 novembre con Mago per Svago della compagnia l’Abile Teatro, premio della Giuria e premio dei Bambini al Festival Clown&Clown di Monte San Giusto 2018 e premio del pubblico al Milano Clown Festival 2018.
INGRESSO LIBERO PER TUTTI

Il 1° dicembre va in scena Scarpette Strette della compagnia Luna e GNAC Teatro, premiato per i migliori attori al Festival di Ribalta 2010, finalista al Festival Fit di Lugano 2009 e finalista al Festival La Rosa d’Oro di Padova 2009.
INGRESSO LIBERO PER TUTTI

Il 26 gennaio lo spettacolo in cartellone è Becco di Rame del Teatro del Buratto, premio miglior spettacolo di teatro di figura EOLO Awards 2018.

Il 2 febbraio è la volta di Più veloce di un raglio del CDT Cada die Teatro, premio EOLO Awards 2015, Premio Padova – Amici di Emanuele Luzzati e Premjo Rosa d’Oro 2015

Ultimo appuntamento il 22 marzo con L’ultimo T-Rex era un Bullo della Compagnia Gli Alcuni-Teatro.

I bambini e i ragazzi fino ai 18 anni entrano gratis.
L’ngresso per gli adulti è di 6 euro.
I primi due spettacoli sono gratuiti per tutti.

Gen
31
ven
MOSTRA | Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto @ Palazzo Collicola
Gen 31 giorno intero

Convergenze. Notargiacomo e la collezione della GAM di Spoleto
a cura di Marco Tonelli

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Gianfranco Notargiacomo è un artista per molti versi precursore dai linguaggi non codificati capace di passare dalla forma all’immagine, dalla struttura alla pittura con la stessa perizia e intelligenza. Proprio per questo ha rappresentato la soluzione ai nodi contrapposti l’uno con l’altro, contrastanti, intrecciati. Divergenti e convergenti allo stesso tempo

La Galleria d’Arte Moderna di Spoleto, come tutti i musei del mondo, possiede un deposito ricco di opere, per lo più donazioni o acquisizioni fatte nel corso degli anni, alcune delle quali destinate a ruotare nel corso del tempo e uscire di volta in volta dai depositi.

Gianfranco Notargiacomo ha accolto l’invito per la sua mostra a cercare un dialogo con gli artisti e le opere della collezione conservate nei depositi di Santo Chiodo, trovando la chiave di volta della proposta curatoriale in circa venti dipinti di autori con cui ha avuto un rapporto effettivo. Tra di essi figurano Burri, Sadun, Bendini, Pace, Vacchi, Asdrubali, Rossano, Gandini, Cascella, Ceroli, Boille, Cotani, Mattiacci, Luzzi, Pozzati.

La mostra Convergenze inaugura a Palazzo Collicola sabato 14 dicembre alle ore 11.30 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo 2020. Il progetto espositivo riprende il titolo dalla celebre installazione Le nostre divergenze, la prima mostra personale dell’artista tenutasi a Roma nel 1971 presso la Galleria La Tartaruga di Plinio De Martiis, poi riproposta varie volte nel corso dei decenni in vari spazi museali, tra cui la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma: oltre duecento omìni in plastilina colorata che invadono la galleria in tutti i suoi spazi. La prima volta che fu esposta in pubblico l’installazione fu definita nell’Herald Tribune da Edith Schloss come “The most surprising show”.

Negli spazi del piano terra di Palazzo Collicola, proprio dove una volta era collocata la collezione permanente della Galleria d’Arte Moderna, circa 140 omìni dialogheranno con le opere selezionate dal deposito della collezione, in un fluire continuo tra memoria e presente, come fossero testimoni incantati di un’apparizione, di uno svelamento. Con l’occasione della mostra Notargiacomo donerà alla Galleria d’Arte Moderna di Spoleto una sua scultura, un tipico Takete, che farà anch’esso parte della mostra insieme ad altre sculture della serie, simbolicamente a far convergere, come recita il titolo, le sue opere con quelle del museo. Nel corso della mostra, si terrà un incontro pubblico in cui l’artista illustrerà punto per punto i suoi legami con i singoli artisti con cui ha scelto di dialogare. La mostra è fatta in collaborazione con studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e la RUFA di Roma.

La mostra sarà aperta al pubblico dal venerdì alla domenica, giovedì 26 dicembre 2019 e lunedì 6 gennaio 2020 dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30.

Gianfranco Notargiacomo (Roma, 1945) Esporrà negli anni Settanta presso Galleria La Tartaruga di Roma, la Galleria La Salita, il Palazzo delle Esposizioni. Nel 1980 partecipa alla mostra ideata da Flavio Caroli Magico Primario, presso il Palazzo dei Diamanti a Ferrara. In questi anni nasce il profondo rapporto con Emilio Vedova, che lo segnalerà per il Premio della Presidenza della Repubblica presso l’Accademia Nazionale di San Luca. Nel 1982, nel 1986 e nel 2011 è invitato alla Biennale di Venezia e terrà negli anni Ottanta mostre personali a Castel Sant’Elmo a Napoli, Casa del Mantegna a Mantova, Museo Laboratorio dell’Università La Sapienza di Roma, Palazzo Reale di Milano. Nel 2009 tiene la mostra Le nostre divergenze 1971-2009 curata da Mariastella Margozzi alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Nel 2011 è in Cina, prima a Hangzhou, al Zhejiang Daily Ideal Culture Development Company, poi a Shanghai, al Museo Heng Yuanxiang, dove realizza due grandi Takète. Nel 2013 al Forte Malatesta di Ascoli Piceno si tiene l’antologica A grandi linee. Tra le numerose collettive è invitato alla VIII e alla XI Biennale de Paris e alla Biennale di Sydney, ha esposto alla Hayward Gallery di Londra, al Frankfurter Kunstverein di Francoforte, al Museo di San Paolo del Brasile, al Taiwan Museum of Art ed è presente nella collezione Artisti Italiani del XX secolo alla Farnesina del Ministero degli Affari Esteri. E’ stato docente presso l’Accademia di Belle Arti de L’Aquila, di Firenze e di Roma, dove nel 2015 riceve il titolo Maestro Accademico Emerito. Nel 2013, per iniziativa del Presidente della Repubblica, riceve l’onorificenza di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. www.notargiacomo.com

MOSTRA | Raspi: collages e dipinti 1959-1963 @ Palazzo Collicola
Gen 31 giorno intero

RASPI: COLLAGES E DIPINTI 1959-1963

a cura di Giorgio Flamini

Galleria d’Arte Moderna “G. Carandente”
PALAZZO COLLICOLA – Spoleto
14 Dicembre 2019 – 8 Marzo 2020

Inaugurazione
Sabato 14 dicembre 2019 – ore 11.30

Raspi: Collages e dipinti 1959 – 1963

La mostra si propone come un focus su un artista che oltre ad esser nato a Spoleto e av