Pagamenti Pubblica Amministrazione

Ammontano a circa 6 milioni e centomila euro i pagamenti che il Comune di Spoleto ha liquidato dalla metà di novembre ad oggi per quanto riguarda le spese legate ai lavori pubblici, alle opere relative al terremoto e, più in generale, ai propri fornitori.

Le risorse disponibili sono pervenute in parte in base alla Legge n. 64 del 6 giugno 2013 recante le disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione al 31.12.2012 e, in parte come Fondo di solidarietà comunale e rimborso IMU prima casa; i fondi sono stati erogati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e dal Ministero dell’Interno.

Le somma di € 7.500.000 resa disponibile dal MEF a valere sulla Cassa Depositi e Prestiti, riferita alla L. 64/2013, era sta erogata in una prima tranche del 50% ( € 3.700.000)nel giugno scorso; la seconda tranche dell’ulteriore 50%, altri € 3.700.000, è stata erogata nel novembre scorso: con tale cifra si è potuto procedere al pagamento di tutti i debiti pregressi al 31.12.2012..

Gli ulteriori trasferimenti e le risorse affluite al bilancio da fiscalità locale nei primi giorni di dicembre, hanno permesso al Comune di Spoleto il pagamento dei lavori pubblici fino ad oggi eseguiti e delle richieste relative alle pratiche del terremoto e alla copertura dei debiti per servizi e forniture in parte corrente fino al periodo di maggio 2013.

“Abbiamo lavorato affinché il tessuto economico ed imprenditoriale della nostra città potesse continuare a ricevere dalla Pubblica Amministrazione iniezioni di liquidità importanti – ha dichiarato il Sindaco Daniele Benedetti – in grado di sostenere le imprese in questo momento di difficoltà economica e finanziaria generale. Dico questo perché, pur in una situazione di disavanzo di amministrazione, abbiamo fatto tutto quanto era nelle nostre possibilità per gestire con strumenti ordinari questa difficile crisi che tutto il Paese sta attraversando, profondendo il massimo sforzo per alleviare la situazione di tante imprese, cittadini e fornitori del Comune”.

“Essere riusciti, ad oggi, ad evitare il commissariamento della città – ha aggiunto il Sindaco Benedetti – ci ha permesso di continuare a lavorare sulla base di priorità, come appunto il pagamento dei debiti del nostro Comune verso i privati. Avremmo voluto fare di più, soprattutto per quanto riguarda i debiti relativi alla spesa corrente, ma i trasferimenti 2013 che aspettavamo dallo Stato entro il 31.12.2013, purtroppo sappiamo che saranno erogati solo per il 50% (passando da 3,4 milioni a 1,7 milioni di euro) e il soddisfacimento delle ulteriori richieste relative al restante periodo 2013, avrebbe richiesto una anticipazione di cassa impossibile da sostenere”.

Pin It