Subingresso in attività agrituristica

Descrizione del servizio
Modifica titolarità attività agrituristica

Rivolto a coloro che intendono subentrare in una attività agrituristica già esistente

Scarica la modulistica unificata e standardizzata in materia di attività commerciali e assimilate ed edilizia di cui al BUR in Accordo con la Conferenza Unificata 4 maggio 2017, n. 46/CU

Documenti richiesti
Certificato di iscrizione nell’elenco regionale degli operatori agrituristici:

  • Relazione illustrativa del piano di attività agrituristica nell’ambito dell’azienda agricola contenente le indicazioni delle caratteristiche dell’azienda e dell’attività agrituristica, degli edifici e degli spazi utilizzati, degli eventuali interventi di adeguamento, del periodo di esercizio e delle tariffe che si intendono praticare nell’anno in corso;
  • Esplicita autorizzazione del proprietario, ove la domanda sia presentata dal conduttore del fondo;
  • Certificato di abitabilità dell’alloggio agrituristico e di agibilità degli spazi aperti;
  • Autocertificazione antimafia e possesso requisiti artt. 11 e 92 T.U.L.P.S. Se non ci sono variazioni in riferimento agli aspetti sanitari: una autocertificazione attestante la non variazione delle strutture, attrezzature ecc. in riferimento agli aspetti sanitari.

Nel caso di variazioni riguardanti gli aspetti sanitari:

  • Planimetria dei locali firmata da tecnico iscritto all’albo e vistata dall’Ufficio Urbanistica del Comune in duplice copia;
  • Certificato di abitabilità dell’alloggio agrituristico e di agibilità degli spazi aperti;
  • Relazione tecnica sulle caratteristiche dei locali firmata dal responsabile del progetto;
  • Copia dichiarazione di conformità impianto elettrico L. 46/90 e denuncia ex ENPI-ISPESL ;
  • Ricevuta avvenuto pagamento diritti sanitari


Cosa fare 

  • L’interessato presenta istanza per subentrare in una attività di agriturismo già esistente ed autorizzata;
  • il Comune accerta la regolarità e completezza della documentazione e invia la nota prevista dalla L. 241/90;
  • in caso di istanza incompleta, il Comune chiede al richiedente gli eventuali documenti o notizie mancanti. Se non ci sono variazioni in riferimento agli aspetti sanitari il Comune predispone l’autorizzazione amministrativa e ne trasmette copia alla Regione ed alla ASL. Nel caso di variazioni riguardanti l’aspetto sanitario è necessario prima di rilasciare l’autorizzazione amministrativa richiedere parere alla ASL.
Pin It