GIORNO DEL RICORDO | Mostra “Fascismo, foibe, esodo. 1918-1956”

Quando:
23 Febbraio 2024 giorno intero
2024-02-23T00:00:00+01:00
2024-02-24T00:00:00+01:00
Dove:
Spazio espositivo di via del Mercato 14
Costo:
Gratuito

L’inaugurazione della mostra Fascismo, foibe, esodo. 1918-1956, annullata la scorsa settimana per gli eventi sismici, è in programma sabato 17 febbraio alle ore 17 nello spazio espositivo di via del Mercato 14

In occasione del Giorno del Ricordo, il Comune di Spoleto ha organizzato in collaborazione con l’ANPI sezione di Spoleto, nello spazio espositivo di via del Mercato 14 la mostra Fascismo, foibe, esodo. 1918-1956 in memoria delle vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata.

L’inaugurazione della mostra, precedentemente in programma per sabato 10 febbraio e annullata a causa degli eventi sismici, si terrà sabato 17 febbraio alle ore 17.00 con i saluti istituzionali di Danilo Chiodetti, Assessore del Comune di Spoleto e sarà aperta al pubblico fino a sabato 24 febbraio 2024.

La mostra, ad ingresso gratuito, ripercorrerà, attraverso 14 pannelli, fotografie, articoli e documenti, il processo storico che a partire dal 1918 ha portato all’esodo del 1956.
Sarà possibile visitarla sabato e domenica dalle ore 16.00 alle ore 18.00 e da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00.

Il 10 febbraio si commemora in tutto il Paese il “Giorno del Ricordo”, istituito con la legge del 30 marzo 2004 n. 92, per “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.

La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, fu firmato il trattato di Parigi che assegnava alla Jugoslavia l’Istria, il Quarnaro, la città di Zara con la sua provincia e la maggior parte della Venezia Giulia, in precedenza facenti parte dell’Italia.​

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *